BLOG SC

COUNSELING COACH SOCIOLOGICO

UN COACH IN AZIENDA: PERCHE'?

Un interessante articolo che fornisce utili informazioni per comprendere perché è importante sviluppare in azienda certe soft skill per migliorare le performance dei dipendenti e dei manager.

 

E' importante sapersi innovare e abbracciare il cambiamento come un'opportunità per capire quando la zona di comfort ha concluso il proprio ciclo e diventa vitale per l'azienda reinventarsi per rimanere leader nel proprio settore!

 

E la differenza che fa la differenza è dettata dalla capacità dei manager di rendere consapevoli i propri collaboratori che sono pagati per FARE e soprattutto per PENSARE!

 

Mettere in rete tutti i cervelli presenti in azienda, significa generare maggior pro-attività e contaminazione nei dipendenti, maggior entusiasmo e senso di appartenenza!

 

Ecco perchè è un ottimo investimento avere un coach nella propria organizzazione aziendale per capire che il COSA fa un'organizzazione, è l'output di un processo ben più complesso e caratterizzato anche da:

- un CHI FA

- un PERCHE' si FA

- un COME si FA

- un QUANDO si FA

- una VISIONE SISTEMICA presente nel management e nei collaboratori

- un modo innovativo di fare RELAZIONE e COMUNICAZIONE sia all'interno dell'azienda sia al suo esterno.

 

Tutti questi ingredienti quando sono presenti e ben combinati tra di loro, sono capaci di realizzare molti casi di successo, consentendo così ad un'impresa di governare il mercato ed essere 1 cm sopra i competitors!

Buona lettura!

0 Commenti

LEGGI "STAR BENE SI PUO'!"

Ancora pochi giorni per acquistare il mio terzo libro,

"Star Bene Si Può!"

in promozione a euro 13,50!

 

Un libro da vivere e da leggere e che ti guida a vedere la realtà da prospettive diverse per dar ancor più valore al tuo "qui e ora"!

 

Clicca l'immagine per leggere gratuitamente le prime 58 pagine di "Star Bene Si Può!" e poi approfitta della promozione perché leggere è un modo intelligente di investire il tuo tempo!

0 Commenti

I BENEFICI DI FARE UN PERCORSO DI COUNSELING-COACH-SOCIOLOGICO!

Ti scrivo perché ho sperimentato su di me la forza, 

  • del counseling,
  • del coaching 
  • e della sociologia 

per migliorare il mio quotidiano e per questo desidero trasmetterti la mia esperienza!

 

Quali benefici ho ricevuto?

  • il COUNSELING mi ha facilitato a essere consapevole delle mie capacità e a dare valore alle mie doti;
  • il COACHING mi ha guidato a utilizzare un metodo efficace per esprimere al meglio le mie potenzialità;
  • la SOCIOLOGIA mi ha insegnato a capire le caratteristiche che deve avere una rete sociale, (amici, lavoro, ecc.), per generare il mio star bene!

Nel mio terzo libro "Star Bene Si Può!" spiego l'importanza di vivere la realtà dalla giusta prospettiva per sentirci attori protagonisti nel generare la nostra felicità!

 

Ora immagina i benefici che un percorso di "Counseling-Coach-Sociologico" può donarti per migliorare ancor di più il tuo "qui e ora"!

 

La bella notizia?

 

La tua immaginazione può diventare una bellissima realtà contattandomi ai seguenti riferimenti:

 

mail: info@scounseling.it

cell.: 3357688046

 

per un incontro conoscitivo e gratuito ove avrai modo di apprendere come il "Counseling-Coach-Sociologico" ti può guidare nell'ottenere quelle risposte capaci di donarti un presente ancor più ricco di soddisfazioni rispetto ad oggi!

 

0 Commenti

I BENEFICI DI UN PERCORSO DI COUNSELING-COACH-SOCIOLOGICO!

Vuoi conoscere i benefici di un percorso di

Counseling-Coach-Sociologico?

 

Guarda il video e se desideri

migliorare ancor di più il tuo Star Bene quotidiano,

contattami ai seguenti riferimenti:

️ 3357688046 o info@scounseling.it

 

PS

Se sarai tra i primi 10 a iniziare un percorso di                                                             

Counseling-Coach-Sociologico

ti donerò il mio terzo libroSTAR BENE SI PUO'!

 

Puoi leggere le prime 58 pagine 

cliccando il seguente link:

 

https://bit.ly/2I6EoA0

0 Commenti

IL TEMPO PER LEGGERE E' SEMPRE IMPORTANTE!

L'iniziativa,  "Il tempo per leggere è sempre importante
che ho proposto nei mesi scorsi, ha avuto un 
grande successo e per questo motivo desidero 
promuovere ancora il piacere di LEGGERE 
con una nuova PROMOZIONE!

Da oggi e fino al termine di AGOSTO '19, puoi goderti 
in vacanza e non solo, il piacere di LEGGERE, acquistando 
i miei 3 LIBRI ad un prezzo molto vantaggioso!

Approfitta di questa occasione, metti da parte il cellulare 
e utilizza un bene prezioso come il tuo TEMPO per LEGGERE!

Clicca il seguente link e leggi gratuitamente i primi capitoli dei miei libri:
https://bit.ly/2I6EoA0
e poi fai un ottimo investimento, acquistandoli!

Buone vacanze e Buona lettura!

0 Commenti

COME LA TECNOLOGIA MODIFICA LE NOSTRE ABITUDINI!

Siamo consapevoli di come la tecnologia 
sta cambiando le nostre abitudini?
Controlliamo i cambiamenti o siamo da essi governati

 

0 Commenti

WORKSHOP ESPERIENZIALE

"UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS

ATTENTO AI LAVORATORI E AL TERRITORIO"
Innovazione - Creatività - Leadership e metodo PMO!

 Giovedì 27 giugno dalle ore 15 alle ore 19, ti aspetto c/o il Crowne Plaza via Po 197 in Padova per vivere un momento formativo- esperienziale.

 Avrai modo di conoscere il metodo PMO
Persone Metodo Organizzazione, che ti guida e ti facilita a comprendere ancor di più l'importanza di saper innovare per distinguerti in un mercato sempre più competitivo!

 Il percorso formativo ti consentirà di acquisire utili informazioni per osservare la realtà da prospettive diverse e sperimentare ciò che apprenderai in aula con delle attività esperienziali che ti consentiranno di dar maggior valore e importanza ai concetti di: innovazione - creatività e leadership!

La partecipazione è gratuita e aperta a max 20 partecipanti e per iscriverti clicca il link di seguito riportato:
➡️ https://bit.ly/2WTUAgx

Utilizza bene il tuo tempo e investi in formazione per migliorare il tuo quotidiano personale e professionale!

0 Commenti

VUOI MIGLIORARE IL TUO "QUI E ORA"? CONTATTAMI PER VIVERE L'ESPERIENZA DI UN PERCORSO DI COUNSELING-COACH-SOCIOLOGICO!

 Vuoi conoscere i benefici di un percorso di
Counseling-Coach-Sociologico?

 Guarda il video e se desideri 
migliorare ancor di più il tuo Star Bene quotidiano,
contattami ai seguenti riferimenti:
➡️ 3357688046 o info@scounseling.it

 PS
Puoi leggere le prime 58 pagine del mio libro
STAR BENE SI PUO'!
cliccando il seguente link:
➡️ https://bit.ly/2I6EoA0


0 Commenti

WORK SHOP ESPERIENZIALE

Lunedì 10 giugno dalle ore 14:15 alle ore 18:30 presso la sala club Lounge del Crowne Plaza in v. Po, 197 in Padova, terrò un workshop esperienziale ove i partecipanti avranno modo di condividere delle informazioni e sperimentarle tramite delle attività pratiche durante le 4 ore di formazione.

Il tema della giornata sarà: 
"Un nuovo modello di business attento ai lavoratori e al territorio".

L'evento è promosso da Unioncamere del Veneto ed è rivolto al mondo delle PMI, a liberi professionisti e a tutti coloro che desiderano conoscere e approfondire nuove prospettive per disegnare nuovi modelli di business!

La partecipazione è gratuita e devi investire solo il tuo tempo!

Per iscriverti clicca il seguente link:
https://bit.ly/2HSSHYa

Ti aspetto per trascorrere quattro ore ove condividere un nuovo approccio di fare e vivere l'impresa!

0 Commenti

INVESTIRE NELLA LETTURA!

Il tempo per leggere è sempre importante e per questo motivo

voglio promuovere la LETTURA con un'interessante PROMOZIONE!

Da oggi e fino al termine di giugno, investi in cultura e acquista i miei 3 LIBRI

ad un prezzo molto vantaggioso!

Approfitta di questa occasione, metti da parte il cellulare e utilizza un bene

prezioso come il tuo TEMPO per LEGGERE!

Clicca l'IMMAGINE e leggi gratuitamente i primi capitoli dei miei libri e poi

fai un ottimo investimento acquistandoli!

0 Commenti

POSSIEDI LE 5 INTELLIGENZE? ALLORA IL TUO SUCCESSO E' ASSICURATO NEL MONDO DEL LAVORO 4.0

Howard Gardner è considerato uno degli psicologi più importanti di questo secolo, è docente presso la Harvard University e ha individuato 5 intelligenze che dovremmo sviluppare per stare al passo con lo scenario attuale: 

  1. L'intelligenza disciplinare,
  2. L'intelligenza sintetica,
  3. L'intelligenza creativa,
  4. L'intelligenza etica,
  5. L'intelligenza rispettosa.

Cliccate l'immagine e approfondite il tema leggendo un interessante articolo!

Buona lettura! 

0 Commenti

IL POTERE DI SCEGLIERE!

Il destino non è questione di fortuna,
è questione di SCELTE.
Non è qualcosa che va ASPETTATO,
è qualcosa che deve essere RAGGIUNTO.
W.J. Bryan

0 Commenti

SCOPO DELL’IMPRESA È LA FELICITÀ DI CHI NE FA PARTE!

Nel mio ultimo libro “Star Bene Si Può!” (link per leggere le prime 58 pagine https://bit.ly/2I6EoA0 ) evidenzio il concetto di BESC, Benessere Emotivo Sociale Consapevole legato a quello di FIL, Felicità Interna Lorda.

In sintesi l’importanza di vivere il nostro “qui e ora” in contesti sociali con la consapevolezza di sentirci attori protagonisti nel costruire, mantenere e replicare nel tempo il nostro “star bene”.

 

Tale esito deve essere raggiunto in tutte le nostre reti sociali, (puoi approfondire l’argomento leggendo il mio libro) e in particolar modo in quella lavorativa ove trascorriamo molte ore del nostro bene prezioso che si chiama TEMPO!

 

Una ricerca condotta presso l’Università di Warwick in Gran Bretagna ha messo in luce che "le persone felici al lavoro sono il 12% più produttive, e che la felicità rende le aziende più produttive del 31%, le vendite aumentano del 37%, l’accuratezza di esecuzione dei compiti sale del 19%, la qualità della vita e il benessere mentale degli impiegati ne vengono beneficiati".

 

L’evoluzione di una società si misura soprattutto col miglioramento della qualità della vita delle persone in un corretto equilibrio col progresso tecnologico e materiale delle cose!

 

Qualche anno fa un brillante studioso dell’università di Harvard,  Matthew Rabin scriveva  sull'American Economic Review, che “l’economia dovrebbe interessarsi non solo dell'allocazione efficiente dei beni materiali ma anche della progettazione di istituzioni nelle quali i soggetti sono felici di interagire tra di loro”.

 

Ed è interessante segnalare un caso concreto di innovazione sociale  realizzato da  una piccola impresa di Ancona che ha inserito nel proprio statuto che lo scopo ultimo non è la massimizzazione del profitto o del valore delle sue azioni, ma “il benessere e la felicità di tutti coloro che ne fanno parte”.

 

Questa azienda e altre con la stessa “vision”, devono “contaminare” l’attuale contesto socio-economico-culturale per indirizzarlo verso un reale processo di evoluzione dello Star Bene perché solo un corretto equilibrio tra il PIL e il BIL (Benessere Interno Lordo) di una comunità consente di migliorare il benessere delle persone.

 

 

Ed è l’unico indice per comprendere se ci stiamo “involvendo” o “evolvendo”.

Ermes Siorini

 

PS clicca l'immagine per approfondire il tema con un interessante articolo del Sole 24 ore.

0 Commenti

L'IMPORTANZA DELL'"INTELLIGENZA COLLETTIVA SISTEMICA" IN AZIENDA

Oggigiorno per competere con un mercato sempre più globalizzato, è necessario sviluppare in azienda il “pensiero sistemico collettivo”.

Di che cosa si tratta?

Un approccio che propongo alle imprese è quello che ho definito PMO (Persona – Metodo – Organizzazione).

Pensateci un attimo:

culturalmente siamo istruiti a “stare” spesso sul COSA fare mentre pecchiamo di allenamento nell’essere aperti mentalmente sul PERCHE’ e sul COME fare certe scelte per innovarci.

 

Se il focus è solo sul COSA fare, non diamo valore al tanto che è stato fatto durante il percorso per raggiungere un obiettivo col rischio di non essere consapevoli di quali “ingredienti” hanno fatto la differenza nel generare un caso di successo e soprattutto di comprendere come replicarlo nel tempo.

Sento molti buoni propositi tipo, “mettere al centro dell’organizzazione la persona”; ma nei fatti è così?

 

Oggi ci sono più responsabili che applicano il metodo dell’imposizione piramidale e dei processi lineari o prevalgono i cosiddetti manager/team leader che preferiscono invece lavorare in un’organizzazione circolare ove facilitare i propri collaboratori ad esprimere le proprie potenzialità e a sentirsi attori protagonisti in azienda?

 

Se un’impresa non da importanza prima alle persone, facilitando un clima aziendale ove si privilegia il merito, l’ascolto, la condivisione di know how, il sentirsi produttori e consumatori di idee, ecc., qualsiasi metodo lavorativo e organizzativo preso in considerazione non produrrà gli effetti sperati.

 

Il ruolo di un leader nel 2019 è molto diverso rispetto a 10 anni fa perché i manager attuali per individuare la rotta della propria azienda non possono affidarsi solo al proprio “fiuto” ma devono dimostrare grandi capacità di ascolto sia nei confronti dei collaboratori sia verso gli stakeholders.

 

La leadership del 21 secolo deve passare dall’uomo forte che decideva in solitaria ed evolversi in un manager in grado di generare una “capacità collettiva” di co-percepire e co-plasmare il futuro.

 

Sviluppare il pensiero sistemico è molto importante perché il singolo responsabile di un settore aziendale nel raggiungere l’obiettivo della sua struttura deve essere ancorato anche all’obiettivo complessivo dell’azienda.

 

Conoscete delle situazioni ove un amministratore delegato (ad) nell’incontrare i suoi primi riporti che individualmente avevano raggiunto i loro obiettivi , aveva manifestato delle critiche?

E sapete perché l’ad era giunto a tale conclusione?

Perché ogni responsabile aveva lavorato solo nel proprio “orticellosenza comunicare con altri settori aziendali non sviluppando così quella consapevolezza di aver applicato metodologie o scelte che avevano creato disagi o danni in altri ambiti dell’impresa.

 

Tutto ciò accade quando in un’azienda è assente quella che è definita “l’intelligenza collettiva sistemica” che difficilmente si sviluppa in un’organizzazione piramidale e con i processi “lineari” fondati sul proprio “orticello”.

 

La leadership 4.0 invece deve mettere in rete i cervelli e diffondere la filosofia che un collaboratore a qualsiasi livello, è pagato per pensare, per far squadra e per raggiungere gli obiettivi aziendali in sinergia con tutta l’organizzazione aziendale e non solo col singolo settore di appartenenza.

 

Questo cambiamento facilita la nascita del cosiddetto team learning in grado di generare la “consonanza” cioè la capacità di un team di pensare e di agire come un tutt’uno perché vi è una forte condivisione del “PERCHE’” e del “COME” ottenere un traguardo aziendale!

 

Tale esito è molto più potente del semplice accordo che si può ottenere tra colleghi perché quando si genera la consonanza, la qualità delle relazioni tra le persone è molto più solida ed efficace.

 

Mentre nel team building si prendono decisioni, l’efficacia del team learning sta nel fatto che facilita e guida i collaboratori e i manager a scoprire e condividere in modo più profondo la natura delle loro decisioni.

Nel team building si cerca di riunire i pensieri di ciascuno in un tutto;

nel team learning, invece, è il tutto che riorganizza i pensieri di ciascuno e ciò consente di alimentare l’intelligenza collettiva che orienta il gruppo a osservare da prospettive diverse la realtà, per innovare ancor di più la propria azienda.

 

Questo cambiamento può nascere in un contesto organizzativo ove il management/team leader attua dei cambiamenti col giusto ordine: Persone, Metodo e Organizzazione.

Invertire o modificare l’ordine di queste variabili può influenzare l’efficacia dell’innovazione che si vuole introdurre in azienda.

 

E come accade spesso nella vita, la qualità di una scelta influenza il buon esito di ciò che vogliamo ottenere.

Ermes Siorini

0 Commenti

UNIVERSITA' POPOLARE "LA TORRE" E "STAR BENE SI PUO'!"

L'Auser di Piove di Sacco grazie al suo presidente Loris Pizzamano e a tutto il team di collaboratori, ha avuto il coraggio di osare e di realizzare un servizio importante per la comunità piovese e non solo: l'università popolare "La Torre"!

Ho avuto il piacere di dare il mio piccolo contributo a questa lodevole iniziativa proponendo un corso tratto dal mio terzo libro "Star Bene Si Può!" che si è tenuto nelle giornate del 28.02, 07.03 e 21.03.

L'università popolare La Torre è giunta alla sua seconda edizione con proposte formative e conferenze ricche di argomenti molto interessanti.

La disponibilità di molti docenti è la dimostrazione che il progetto ha saputo motivare e coinvolgere tante persone che hanno compreso l'importanza di fare squadra per consentire a molti concittadini di investire bene il proprio tempo dedicandosi alla cultura.

Ringrazio l'Auser piovese per avermi dato la possibilità di vivere questa bella e arricchente esperienza che ho condiviso con tutte le persone che hanno partecipato alle mie tre conferenze.

0 Commenti

AGGIORNARSI PER OFFRIRE IL MEGLIO AI CLIENTI!

Terminato il corso in "Management dell'Innovazione Sociale", un periodo formativo intenso, ottimamente organizzato e con docenti molto preparati. Un'esperienza molto arricchente che mi ha permesso di conoscere nuovi colleghi e di migliorarmi apprendendo il loro know how. Aggiornarsi significa saper osare, osservare la realtà da prospettive diverse, ampliare il proprio potere personale, far parte di un network di persone con varie competenze. E' importante sviluppare e migliorare le proprie soft skills sempre più preziose per fare la differenza come professionista con i clienti e nel mondo del lavoro!

0 Commenti

MANAGER DELLA FELICITA': UN ESEMPIO DI INNOVAZIONE SOCIALE!

Viviamo in una società ove siamo spesso in viaggio e corriamo così tanto che non riusciamo a fermarci un attimo per dare valore a quanto abbiamo fatto e per goderci quello che possediamo nel presente.

Fermarsi ogni tanto ci permette di osservare il nostro percorso di vita da una prospettiva “orizzontale” per capire se stiamo vivendo bene l’unico tempo che merita di essere vissuto, il presente, se il nostro passato è un “alleato” o un “nemico” e se il futuro riusciamo a immaginarlo più ricco rispetto al nostro quotidiano.

E se ci fermiamo, comprendiamo che gran parte della nostra vita la viviamo in due reti sociali:

quella della famiglia e quella del lavoro.

La famiglia è considerata la cellula fondamentale della società e l’azienda presso cui lavoriamo dovrebbe essere un laboratorio sociale ove sperimentare oltre le competenze anche altre caratteristiche per migliorare il nostro benessere.

È così?

Spesso quando sento dei Top Manager parlare di innovazione aziendale la considerano solo come trasferimento e miglioramento di know how verso i colleghi. Ed è sicuramente importante ampliare e perfezionare il “COSA FARE” in azienda ma è l’unico investimento da prendere in considerazione per creare nel contesto lavorativo dell’innovazione sociale?

Personalmente ritengo che le aziende che già oggi affrontano un mercato sempre più orientato ai servizi e ove la differenza rispetto ai competitor, è dettata dalla maggior qualità della relazione che si instaura tra professionista e cliente, debbano attivare innovativi percorsi formativi e di comunicazione interna; e passare da un'organizzazione "piramidale" ad una “circolare” capace di facilitare tra tutti i colleghi la condivisione della mission aziendale (il PERCHE’) e di creare un metodo efficace (il COME) per ottenere gli obiettivi aziendali.

La performance di un collega migliora se vive in un ambiente di lavoro capace di prendersi cura del suo benessere fisico e mentale.

Perché asserisco ciò?

Perché alcuni studi evidenziano che il lavoratore del terzo millennio ha bisogno di responsabili professionalmente predisposti ad apprezzare il suo rendimento e di facilitarlo a migliorare le sue performance.

In sintesi se un’azienda tratta bene un proprio dipendente si genera il meccanismo “win-win” perché il collaboratore tratterà bene la propria azienda.

La mia esperienza mi porta ad affermare che in molte organizzazioni, "l'area di miglioramento" si colloca ove lavora il “middle management” che ha il delicato compito di ricevere la vision dal top management e di tradurla in mission verso la parte operativa di un’azienda.

Oggi il ruolo del “middle management” continua ad essere svolto in diversi casi secondo le vecchie logiche “piramidali” e puntando solo su COSA bisogna far fare ai collaboratori e quindi interessandosi esclusivamente delle competenze tecnico/commerciali; tale atteggiamento non è funzionale alle esigenze del personale del 21° secolo come dimostrano le statistiche recenti: i sondaggi di Gallup sottolineano che l’87% dei lavoratori è demotivato e ogni anno vanno in fumo “500 miliardi di dollari per mancata produttività”!

Ci sono ancora troppi “capi” ancorati alle logiche del secolo scorso e che pensano che gli obiettivi si possano ottenere solo con la cultura di far “pressione” ai propri colleghi.

Spingere i collaboratori ad ottenere dei risultati aziendali con questo approccio significa generare in loro forme di stress che si trasformano nel medio periodo in costi sia per l’azienda, (calo delle performance aziendali) sia per la collettività causa assenze per malattie, ecc..

Recenti dati evidenziano che le aziende che si rapportano con i colleghi come sopra descritto hanno registrato:

- un calo del fatturato di circa il 33%,

- un aumento dell’assenteismo del 37%,

- un aumento degli incidenti del 49%,

- un aumento di commettere errori del 60%.

Se continuiamo a “correre” senza fermarci, non capiremo l’importanza di rendere l’azienda un laboratorio sociale per sperimentare qualcosa che incentivi il benessere lavorativo e di conseguenza le percentuali citate tenderanno a peggiorare nei prossimi anni.

Cosa fare?

In un’organizzazione del lavoro, reputo che due siano le figure professionali fondamentali per iniziare il cambiamento: il middle management e chi si occupa del personale.

Un altro dato oggettivo: le aziende che negli ambiti descritti stanno assumendo personale che oltre ad avere una conoscenza di COSA proporre ai collaboratori sono dotati anche di altre soft skill come ad es. essere dei counselor capaci di rendere consapevoli i collaboratori delle loro potenzialità, dei coach in grado di condividere col proprio gruppo dei metodi efficaci per ottenere gli obiettivi e dei team leader capaci di creare le migliori condizioni per favorire esperienze e situazioni di benessere aziendale, hanno aumentato di molto le performance individuali e di gruppo.

Una ricerca condotta presso l’Università di Warwick in Gran Bretagna ha messo in luce che "le persone felici al lavoro sono il 12% più produttive, e che la felicità rende le aziende più produttive del 31%, le vendite aumentano del 37%, l’accuratezza di esecuzione dei compiti sale del 19%, la qualità della vita e il benessere mentale degli impiegati ne vengono beneficiati".

Questi dati sono una bellissima realtà in alcune aziende lungimiranti che hanno compreso la necessità di essere concretamente dei laboratori sociali perché la felicità porta sempre e solo dei benefici.

Un professionista che lavora spesso in azienda col sorriso porta anche a casa questo stato d’animo contribuendo a rendere anche il clima familiare felice e creando così un legame positivo tra le due reti sociali ove viviamo la maggior parte del nostro tempo.

E quando un bene prezioso come il nostro tempo viene vissuto col sorriso sia in famiglia sia in azienda, abbiamo concretizzato un’importante innovazione sociale!

Ermes Siorini

0 Commenti

UN APPROCCIO EFFICACE PER MIGLIORARE IL TUO QUOTIDIANO!

L'approccio che utilizzo per guidare le persone a vivere ancor meglio il proprio quotidiano, è quello che ho definito:

COUNSELING-COACH-SOCIOLOGICO.


Perché tale approccio è efficace?


1. perché come COUNSELOR facilito una persona a riscoprire e a dar valore alle proprie capacità;


2. perché come COACH guido una persona che è consapevole delle proprie capacità, ad utilizzarle al meglio nell'ottenere un risultato desiderato;


3. perché con l'approccio SOCIOLOGICO consento ad una persona di comprendere se il suo tempo lo trascorre in una rete sociale arricchente e capace di agevolarla nel raggiungimento del suo obiettivo.

 

Vivere il "qui e ora" da prospettive diverse è un approccio che ti consente di cogliere delle opportunità che possono migliorare ancor di più il tuo quotidiano!

Nutri bene il tuo libero arbitrio e aumenterai le probabilità di fare quelle scelte capaci di donarti quei risultati che desideri!

0 Commenti

GLI INCONTRI OVE SI CONDIVIDONO DEI PENSIERI E DELLE RIFLESSIONI, SONO SEMPRE ARRICCHENTI!

Venerdì 22 febbraio ho presentato "Star Bene Si Può!" presso la biblioteca del comune di Solesino e ho avuto il piacere di condividere la serata con il sindaco e l'assessore alla cultura e con i cittadini accorsi per conoscere il messaggio del mio libro.

Queste esperienze le considero arricchenti perché evento dopo evento sento forte il desiderio delle persone di riscoprire certi valori e di riequilibrare la propria vita utilizzando il tempo, bene preziosissimo, nel migliore dei modi!

E cerco di far nascere tale consapevolezza, guidando le persone a vedere la realtà da più prospettive e comprendere che esiste sempre una soluzione per migliorare il proprio "qui e ora".

Ed è interessante notare che tale riflessione nasce quando chiedi alle donne e agli uomini quanto del loro tempo è dedicato nell'ottenere le cose materiali e quanto invece è investito nel generare per se stessi e gli altri quel benessere emotivo e sociale capace di nutrire la loro anima, i loro affetti e soprattutto il loro libero arbitrio affinché sia utilizzato nel migliore dei modi per fare quelle scelte capaci di dare valore al proprio quotidiano.

E comprendere che tale sceltadipende solo da noi!


0 Commenti

INNOVAZIONE SOCIALE

Bellissima esperienza oggi a Padova: 
"Social-Innov-Upper - Innovatori sociali in Regione Veneto"

Idee, esigenze, aspettative di innovazione sociale.

Tre tavoli di lavoro:
- Rigenerazione urbana
- Redesign dei servizi 
- Cambiamenti sociali
con
Fondazione Università Ca' Foscari Università Iuav di Venezia Formazione Ascom Padova Irecoop Veneto T2i trasferimento tecnologico e innovazione Ca' Foscari Challenge School


PRESENTAZIONE DEL LIBRO "STAR BENE SI PUO!" PRESSO IL COMUNE DI SOLESINO PD


IMPRESA 4.0

Stiamo vivendo un periodo storico di profondo cambiamento sociale, tecnologico e lavorativo.
L’uomo è “programmato” per evolversi e ciò che sta accadendo nel terzo millennio è profondamente diverso rispetto al passato perché i tempi per capire COSA fare sono molto ridotti e richiedono nuove abilità per vincere le sfide del presente e del futuro.

Nel secolo scorso i cambiamenti avvenivano con una tempistica che consentiva alle persone e alle aziende di affrontare il “nuovo” con un approccio che oggi non è possibile perché il “tempo” di comprendere e fare business è velocissimo e di conseguenza i dipendenti, i collaboratori e le imprese devono investire in formazione, in innovazione e in “cambiamento culturale” per continuare a generare business ed essere leader nel proprio mercato di riferimento.

Oggi il successo di un “COSA fare” è strettamente legato al “PERCHE fare” che viene trasmesso ai collaboratori nel condividere la mission aziendale; il tutto per consentire ai dipendenti con un egregio lavoro di squadra, di individuare il miglior “COME fare” per raggiungere i risultati desiderati dell’impresa.

Spesso ci si concentra sul “cosa fare” che in un processo realizzativo è l’output mentre ciò che fa la differenza sono tutte le fasi umane, di metodo e organizzative accadute durante il “viaggio” di un successo aziendale.

Consapevolizzare quanto descritto significa vivere, osservare e progettare il proprio modello di business da nuove prospettive, condizioni oggi necessarie, per ampliare le possibilità di scelta individuando con gli strumenti adeguati solo quella che farà la differenza nel continuare a fare impresa nel 21° secolo.


RICONOSCERE, ASCOLTARE, ACCOGLIERE E RISOLVERE LE NOSTRE PAURE!

Conosci l'importanza di sentirti LIBERO di essere FELICE?


SONO L'ATTORE PROTAGONISTA DEL MIO "STAR BENE"!

Vuoi essere il cambiamento 
che desideri vedere e vivere?
Usa bene il tuo libero arbitrio
per incontrare ciò che può 
renderti felice!


TANTI AUGURI DI BUON NATALE! ERMES e DANA

ARTICOLO DI STAMPA DEDICATO AL MIO ULTIMO LIBRO "STAR BENE SI PUO'!

Si parla di Star Bene Si Può! sul mensile "La Piazza del Piovese"!

Vuoi conoscere il contenuto del mio ultimo libro?

Puoi farti o fare un bel regalo di Natale, acquistandolo su Amazon!

Buone Feste!

Ermes Siorini

INTELLIGENZA EMOTIVA IL VALORE AGGIUNTO IN UN'AZIENDA 4.0

Gestire un team significa essere consapevoli e capaci di facilitare i colleghi ad esprimere al meglio il proprio potenziale in un clima aziendale meritocratico
E' importante abbandonare la cultura "piramidale" di rapportarsi con i propri collaboratori e di generare invece un'organizzazione "circolare" per diffondere la cultura di essere, in un giusto equilibrio, "produttori e consumatori" di idee e di casi di successo. 
Tutto ciò sarà possibile sviluppando in azienda e a ogni livello organizzativo, l'intelligenza emotiva, il vero valore aggiunto per ottenere questi risultati.
Molto dipenderà dalla consapevolezza del top e del middle management di promuovere tale cambiamento come ben spiegato nell'articolo sotto riportato.

0 Commenti

QUALI SKILLS POSSIEDO PER IL LAVORO DEL DOMANI?

Nel brevissimo periodo la nostra società conoscerà dei cambiamenti nel mondo del lavoro talmente diversi rispetto alle epoche passate che dovremo essere preparati per governare il cambiamento.

In che modo?

Iniziando a imparare che le nostre certezze non saranno presenti solo nelle nostre “zone di comfort” e che sarà necessario acquisire con largo anticipo importanti informazioni per capire cosa servirà per essere degli attori attivi e protagonisti del cambiamento che interesserà il nostro quotidiano.

Abbracciare quindi una visione culturale pro-attiva ove ognuno di noi si senta leader del proprio miglioramento professionale e umano!

La robotica e l’intelligenza artificiale sostituiranno in pochi anni molte attività professionali.

Il tempo per riqualificarsi deve iniziare prima che accada ciò e per comprendere il tutto è importante saper leggere cosa sta avvenendo attorno a noi e ben oltre la nostra zona di comfort.

Di seguito uno schema che evidenzia quali skills il mercato del lavoro riterrà importanti nel 2020
oltre alla competenza professionale, ognuno di noi dovrà investire in nuove modalità formative per sviluppare l’intelligenza emotiva considerata sempre più importante in un contesto socio-lavorativo che sta andando sempre più verso un mercato di servizi innovativi.

Osservando cosa servirà tra pochi anni, quante delle caratteristiche richieste, già possiedi?

E in quante di queste ritieni opportuno investire in termini di formazione per essere un attore protagonista nel nuovo mercato del lavoro?

0 Commenti

INVESTIRE NELLA FORMAZIONE PERSONALE

Aggiornarsi continuamente per ottenere competenze trasversali, per sviluppare sempre più l'intelligenza emotiva ed essere così pronti alle sfide del 21° secolo!

0 Commenti

STIAMO AFFRONTANDO LE SFIDE 4.0 CON LA GIUSTA CONSAPEVOLEZZA?

Si parla molto di industria 4.0 e di come il modo di lavorare cambierà nei prossimi anni.

Stiamo costruendo una società ove avranno sempre più spazio l’intelligenza artificiale, la robotica e la biotecnologia.

 

La domanda che mi faccio è la seguente: rispetto allo sviluppo tecnologico che stiamo realizzando, siamo preparati alle conseguenze? 

 

E soprattutto, abbiamo una vision a medio e lungo termine di come bisognerà riorganizzare la società dal punto di vista delle relazioni umane e del lavoro?

 

Perché queste riflessioni?

 

Negli anni ’70 e ’80 la maggior parte dei lavoratori iniziava un’attività professionale e spesso concludeva la sua carriera lavorativa nella stessa azienda ove avevano cominciato la propria professione.

Poi siamo entrati sempre più in competizione con il mercato estero e quindi alcune categorie di lavoratori furono oggetto di aggiornamenti professionali che avvenivano in tempi ove era possibile accettare e condividere il “cambiamento”.

Oggi invece la velocità con cui la competizione globale genera nuovi business, è talmente elevata da non consentire in tempi adeguati di riqualificare quei lavoratori la cui mansione non è più considerata “core business” per l’azienda in cui lavorano.

 

Alcune ricerche sociali rilevano come la frenesia di introdurre dei cambiamenti organizzativi in azienda che necessitano di nuove figure professionali non avvengano in sinergia con una vision politica capace di anticipare e capire i cambiamenti; e ciò a scapito di ridisegnare in modo adeguato gli equilibri sociali per far ben convivere lo sviluppo tecnologico con la qualità della vita delle persone. E se tale gap aumenterà sempre più nei prossimi anni il rischio sarà di ritrovarsi milioni di lavoratori fuori dal mercato del lavoro perché non preventivamente preparati culturalmente e professionalmente alle nuove esigenze degli anni 2000.

 

Perché tale appunto?

 

Perché rischiamo di appartenere al 21 secolo solo per le conquiste tecnologiche mentre dal punto di vista del benessere individuale stiamo subendo un processo involutivo!

 

E forse non c’è ancora sufficiente consapevolezza nel comprendere questo fenomeno che se non sarà governato per tempo e nel migliore dei modi, si rischierà soprattutto in occidente di creare dei conflitti sociali che oggi, ed è la bella notizia, si possono ancora evitare.

 

Che fare per disegnare un futuro che sia capace di migliorare la qualità della vita e facilitare il cambiamento lavorativo nei prossimi anni?

 

Serve sicuramente una sinergia tra la politica, il mondo del lavoro e quello accademico: tre attori sociali fondamentali e che devono fare “squadra” per disegnare una nuova società ove lo sviluppo del PIL sia in equilibrio con l’espansione del BIL (benessere interno lordo) dei cittadini.

Per capire il domani serve una consapevolezza di “sistema paese” che abbandonando approcci ideologici, metta al centro il cittadino per pianificare e governare il cambiamento e non per subirlo.

 

L’uomo ama migliorarsi e il cambiamento se gestito in un certo modo può essere un’opportunità e in grado di migliorare le condizioni sociali e economiche di tutti.

In occidente una caratteristica fondamentale che sarà richiesta ai lavoratori nel prossimo lustro, sarà una spiccata intelligenza emotiva che non viene insegnata e sviluppata a scuola e tanto meno in altri contesti sociali.

 

Perché è importante sviluppare l’intelligenza emotiva?

 

Perché andremo verso un mondo del lavoro che erogherà sempre più servizi e le aziende avranno bisogno di figure professionali che alla competenza sappiano sviluppare altre doti che solo un’intelligenza emotiva può offrire per approcciarsi al cliente con nuove modalità che oggi giorno spesso sono trascurate.

 

Sviluppare l’intelligenza emotiva significa:

-      Utilizzare nel migliore dei modi le informazioni emotive che giungono da noi stessi e dagli altri

-       Integrare queste informazioni col nostro pensiero

-       Utilizzare nel modo adeguato queste informazioni per fare le scelte migliori per raggiungere ciò che vogliamo in ambito lavorativo e privato.

 

Sviluppare l’intelligenza emotiva significa in sintesi applicare il pensiero ai sentimenti (e viceversa) per guidare il nostro comportamento.

Ottenuto tale risultato si può gestire meglio se stessi e migliorare le relazioni con gli altri e soprattutto si sviluppa ancor di più il proprio rendimento, la propria capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati.

 

Di seguito alcuni vantaggi che si ottengono sviluppando l’intelligenza emotiva:

-       Miglioramento delle relazioni

-       Miglioramento della comunicazione con gli altri

-       Miglioramento delle capacità empatiche

-       Capacità di agire con integrità

-       Rispetto da parte degli altri

-       Migliori prospettive di carriera

-       Più fiducia nell’affrontare il cambiamento

-       Senso di fiducia e positività

-       Riduzione dello stress

-       Aumento della creatività

-       Capacità di imparare dagli errori.

 

Siamo esseri emozionali ma siamo educati a sviluppare solo l’intelligenza razionale quando il presente ci chiede doti e caratteristiche "emotive".

Ecco perché è importante un gioco di squadra tra la politica, il mondo del lavoro e quello accademico perché lo sviluppo di queste capacità deve avvenire a tutti i livelli della società.

 

Nelle aziende queste doti devono appartenere al management e a chi si occupa di recruitment perché se non si genera questo cambiamento culturale sarà più difficile creare un lavoratore con quelle soft skill necessarie per affrontare e governare i cambiamenti richiesti dall’industria 4.0.

 

Quali sono le skills che sono ritenute fondamentali nel mondo del lavoro entro il 2020?

  
- Capacità di problem solving

- Il pensiero critico

- Creatività

- La gestione delle risorse

- Capacità di giudizio e di prendere decisioni

- Capacità di aiutare i colleghi

- Negoziazione, capacità di sapersi relazionare con clienti, colleghi e superiori e di saper collaborare con gli interessati

- Flessibilità cognitiva, capacità di destreggiarsi e muoversi tra diversi sistemi o metodi di pensiero.  

 

Conosciamo ciò che serve per vivere nel migliore dei modi il futuro nel breve periodo, (cosa fare).

Ora bisogna chiedersi se possediamo altre risposte per dare concretezza a quanto descritto fino ad ora:

- perché fare certe scelte,

- come concretizzare in modo efficace quanto deciso,

- e in che tempi realizzare quanto pianificato per generare un corretto equilibrio tra il PIL e il BIL.

 

La possibilità di utilizzare il libero arbitrio nel migliore dei modi, sarà strettamente legato alla volontà di introdurre dei cambiamenti culturali ad ogni livello nella società e che dovranno essere condivisi e attuati sviluppando una nuova consapevolezza di “sistema paese”.

 

Le novità epocali che ci aspettano genereranno risposte positive in proporzione all’impegno offerto da tutti gli attori sociali prima descritti nel sentirsi gli unici attori protagonisti nel disegnare una società capace di ottenere dei benefici dalle sfide che ci attendono nel breve e medio periodo.

0 Commenti

Presentato il libro "Star Bene Si Può!" a Piove di Sacco PD

Ringrazio di cuore le tante persone che hanno partecipato alla presentazione del mio libro Star Bene Si Può! perché hanno deciso di investire un bene prezioso come il loro tempo per condividere un momento di riflessione su un tema importante e di attualità come il nostro benessere emotivo e sociale!

 

Un ringraziamento particolare a Daniela per aver reso la serata ancor più arricchente con i suoi interventi e riflessioni!

Tutti abbiamo ricevuto in dono delle ricchezze umane che solo una bella anima come Daniela sa trasferire al prossimo!

0 Commenti

Presentazione del libro Star Bene Si Può!

0 Commenti

E-BOOK "STAR BENE SI PUO'!"

Da oggi puoi leggere

"Star Bene Si Può!" 
anche in formato e-book!

Se sarai tra i primi 100

ad acquistare l'e-book 

usufruirai di una promozione speciale: 

con un piccolo investimento

di euro 4,99 
"Star Bene Si Può!", sarà tuo!

Se desideri leggere un libro

capace di farti vedere
il tuo quotidiano da una

prospettiva diversa
allora "Star Bene Si Può!"

è il libro giusto per te!

Clicca sull'immagine e leggi le prime 58 pagine del mio libro!

Buon acquisto e soprattutto

buona lettura!

0 Commenti

Usufruisci della promo estate che ti offre uno sconto sull'acquisto di "Star Bene Si Può!"

L'estate è il periodo dell'anno ove il piacere di leggere diventa un bisogno da soddisfare!
Come?
Scegliendo un libro capace di farti vivere delle belle emozioni e di guidarti verso delle riflessioni per osservare il tuo quotidiano da più prospettive!
Perché?
Per avere maggiori possibilità di goderti il tuo presente e di aumentare il tuo Star Bene!
Guarda il video e clicca il link seguente 
https://ilmiolibro.kataweb.it/…/s…/390225/star-bene-si-pu-2/
per leggere gratuitamente le prime 58 pagine del mio libro 'Star Bene Si Può!'
Lo puoi acquistare on line in formato cartaceo usufruendo della 'promo estate'!
Buona lettura!

0 Commenti

COME IL COACH-COUNSELING-SOCIOLOGICO PUO' MIGLIORARE IL MIO PRESENTE!

In questo video ti spiego il concetto di BESC, Benessere Emotivo Sociale Consapevole su cui ruotano tutti gli argomenti del mio terzo libro "Star Bene Si Può!":

Come puoi migliorare il tuo presente? 
Tramite un percorso di coach-counseling-sociologico che ben spiego nel mio libro!

Star Bene Si Può! è un libro da leggere e da vivere per i tanti insegnamenti che potrai ricevere e per consapevolizzare che il miglior mentore è dentro di te e che l'unico attore protagonista del tuo successo e del tuo benessere, sei tu!

Acquista "Star Bene Si Può" e sfrutta l'offerta "promo-estate" che ti permette di risparmiare sul prezzo di copertina! 
Clicca il link seguente e accedi alla promozione: https://amzn.to/2udSira

0 Commenti

STAR BENE SI PUO'! IL LIBRO DA LEGGERE!

Star Bene Si Può!

è il libro che ti guida e ti facilita a vedere la realtà da prospettive diverse

per ampliare le tue possibilità di scelta e aumentare così le probabilità

di raggiungere il tuo risultato desiderato!
Guarda il video e se ti piace, condividilo con i tuoi amici!
Puoi leggere gratuitamente le prime 58 pagine del mio libro 'Star Bene Si Può!' cliccando il linkhttps://bit.ly/2I6EoA0

0 Commenti

BESC - Benessere Emotivo Sociale Consapevole

0 Commenti

COME AFFRONTARE IL CAMBIAMENTO: IL LIBRO "STAR BENE SI PUO'! E' UN'OTTIMA GUIDA PER RIFLETTERE E TROVARE IN MODO AUTONOMO UNA RISPOSTA!

Da tempo senti il bisogno di cambiare:
- Lavoro
- Casa
- Città 
- Amicizie
e altro?

E non ci riesci perché sei troppo ancorato ad una zona di comfort che ti impedisce di scoprire che esiste un mondo di opportunità che ti aspetta?

Sei consapevole che se non nutri nel migliore dei modi il tuo libero arbitrio ritarderai il momento in cui fare quella scelta che ti guiderà verso il tuo risultato desiderato?

Da quanto senti il desiderio di ottenere un cambiamento ma il tempo passa e ti trovi ancora in quella situazione che vorresti cambiare?

Il mio libro Star Bene Si Può! ti consente di vedere la realtà da prospettive diverse per ampliare le tue possibilità di scelta e di conseguenza le probabilità di ottenere il tuo cambiamento!

Il tutto per capire quale scopo deve guidare il tuo agire e di quale consapevolezza necessiti per verificare se ciò che desideri è:
- Sostenibile
- Misurabile
- Realistico
- Realizzabile
in tempi ove tu possa beneficiare delle conseguenze di una tua scelta!

Vuoi conoscere come puoi essere ancor più di oggi protagonista del tuo star bene?

Leggi gratuitamente le prime 58 pagine di Star Bene Si Può! cliccando il link sotto riportato!

Sono certo che subito dopo, sentirai il bisogno di acquistarlo!
Buona lettura!

https://ilmiolibro.kataweb.it/…/s…/390225/star-bene-si-pu-2/

0 Commenti

L'IMPORTANZA DELLA CONSAPEVOLEZZA PER DARE VALORE AL TUO QUOTIDIANO!

Se il video ti piace, condividilo con i tuoi amici! Puoi leggere le prime 58 pagine del mio libro 'Star Bene Si Può!' cliccando il link: https://bit.ly/2I6EoA0
0 Commenti

ORGANIZZI LE TUE GIORNATE IN MODO EFFICACE?

Se il video ti piace, condividilo con i tuoi amici!
Puoi leggere le prime 58 pagine del mio libro 'Star Bene Si Può!' cliccando il link: https://bit.ly/2I6EoA0

0 Commenti

Secondo video di presentazione di "Star Bene Si Può!"

Secondo video di presentazione del libro "Star Bene Si Può!". Lascia un commento su questa pagina, su youtube e sulla mia pagina FB. Puoi leggere le prime 58 pagine cliccando il link: https://bit.ly/2I6EoA0

0 Commenti

Presentazione Video del mio terzo libro "Star Bene Si Può!"

Video presentazione del mio terzo libro "Star Bene Si Può!"

Puoi leggere le prime 58 pagine cliccando il link:

https://bit.ly/2I6EoA0 

0 Commenti

ASCOLTO ATTIVO: UN ESTRATTO DAL MIO TERZO LIBRO "STAR BENE SI PUO'! DOPO AVER LETTO, PUOI CLICCARE SULLA PAGINA E ACCEDERE AD ALTRE INFORMAZIONI!

0 Commenti

IL MIO LIBRO "STAR BENE SI PUO'!"

Oggi sono doppiamente felice!

 

Raggiungo l’importante tappa di 48 anni!

 

E con piacere ti informo che ho

pubblicato il mio terzo libro

"Star Bene Si Può!"

 

La sfida di questo libro è aiutare il lettore ad aiutarsi nel vedere la realtà da una prospettiva diversa per vivere e percorrere nel migliore dei modi la strada che porta alla felicità!

 

Il libro può essere acquistato on-line sulle piattaforme digitali:

 

- ilmiolibro.it, (goo.gl/78mjmu )

- Amazon, (goo.gl/dvrFLb)

- Feltrinelli, (goo.gl/RF7yxZ)

 

in formato cartaceo e a breve anche e-book!

 

 

Puoi leggere le prime 58 pagine collegandoti al seguente link:

goo.gl/78mjmu o cliccando sull'immagine,

e con l'occasione ti chiedo di lasciare un commento!

 

Grazie e buona lettura!

 

 

Ermes Siorini

0 Commenti

SCOPRI I VANTAGGI DEL COACH-COUNSELING!

Vuoi migliorare le tue performance in ambito lavorativo?

Vuoi migliorare le relazioni con gli altri?

Vuoi migliorare il tuo modo di comunicare?

 

Un percorso di coach-counseling ti aiuta e ti facilita ad aiutarti nel trovare le risposte alle tue esigenze!

 

Contattaci per conoscere il valore aggiunto che ti può offrire il coach-counseling!

 

Il primo incontro è gratuito!

Clicca sull'immagine per conoscere altre importanti informazioni!

0 Commenti

BUONA PASQUA DA SC COACH COUNSELING! DANA E ERMES

0 Commenti

LABORATORIO ESPERIENZIALE "COMUNIC-AZIONE"

SAPER COMUNICARE E ASCOLTARE PER STAR BENE CON ME STESSO E CON GLI ALTRI!

Mercoledì 21 marzo presso la sede Aspic di Padova, abbiamo condotto un laboratorio esperienziale con la partecipazione di un numeroso pubblico. 
Al termine dell'incontro come è nostra prassi abbiamo consegnato un foglio per avere un feedback anonimo di come i partecipanti avevano vissuto tale esperienza e i riscontri sono stati molto positivi! 
Il counseling e il coaching aiutano le persone ad aiutarsi!

Organizzeremo a breve un altro work shop e di seguito evidenziamo cosa proponiamo a chi decide di investire il tempo per migliorare il proprio Star Bene!

"Sei consapevole di quanto sia importante comunicare?

La maggior parte delle persone non lo è.

Ti sei mai trovato nella condizione di voler esprimere quello che provi e di non essere compreso?

Ti sei mai trovato nella condizione di dire “SI” quando volevi dire “NO”?
Siamo in continuo contatto con il mondo esterno e costantemente inseriti in differenti reti sociali in cui è indispensabile mediare fra le nostre esigenze e quelle degli altri: in famiglia, a lavoro, con gli amici, ecc.

Incontriamo persone che spesso pensano di comunicare in modo efficace e di saper ascoltare.

In realtà pochi sanno ascoltare e ancora meno sanno comunicare.
Questo laboratorio ha lo scopo di informare sui vari tipi di comunicazione e di ascolto attivo e lo faremo dando spazio a dei momenti teorici e ad altri esperienziali!
Dedicheremo del tempo ad imparare ad ascoltare a comunicare e ad accettare ciò che provano gli altri".

 

Questo in sintesi ciò che proponiamo ai partecipanti!

Vi terremo aggiornarti sulle prossime date!

Dana e Ermes

0 Commenti

8 APRILE 2018: PUBBLICAZIONE DEL MIO TERZO LIBRO!

L'8 aprile pubblicherò il mio terzo libro
"Star Bene Si Può!"

Nei prossimi giorni condividerò anche la copertina definitiva!

Sotto un estratto di "Star Bene Si Può!":

"Per migliorarti è utile accogliere e ascoltare ogni tipo di emozione soprattutto quelle che definisci negative. 
Per quale motivo? 
Perché se le affronti e le vinci, ti rafforzi e puoi continuare di seguito il tuo cammino di vita verso un obiettivo che scegli come meta e che potrà donarti la felicità! 
Se invece non affronti certe emozioni “figlie” di esperienze relazionali poco piacevoli, tenderai a scappare da esse e a giungere in qualsiasi posto per soddisfare non la volontà di cercare la felicità ma di non rivivere un certo passato
Non capendo che il tuo “scappare da” un episodio non piacevole ti allontanerà sempre più dal tempo e dal luogo ove incontrare la tua serenità perché un’emozione negativa che non si è vinta e superata non resterà nel tempo ove l’hai vissuta ma continuerà a vivere dentro di te
E finché fuggirai da essa sarà solo un’illusione averla abbandonata per sempre; l’avrai semplicemente messa sullo sfondo del tuo mondo interiore e pronta a riemergere in qualsiasi momento per indurti a scappare ancora!
Ecco perché è importante affrontare la realtà, dare il meglio di te ed eventualmente farti guidare da qualche mentore per far diventare tue alleate, le esperienze negative e le conseguenti emozioni! 
Solo così avrai modo di vivere un presente più ricco e nutriente in senso lato!".

0 Commenti

LABORATORIO ESPERIENZIALE "STAR BENE SI PUO'!"

Tutti desideriamo vivere felicemente il nostro privato e in ambito lavorativo!

Perché essere Felice:
- è una scelta,
- è l'obiettivo di ogni persona!

E se vuoi, generi il tuo Star Bene!

Partecipa al percorso esperienziale di crescita personale e professionale che si terrà presso la sede di Confservizi Veneto!

Vuoi migliorare la tua felicità?

Accedi al link e scopri il valore aggiunto che ti può donare questa esperienza formativa:

https://www.emagister.it/corso_star_bene_si_puo-ec2768155.htm

0 Commenti

UN ESTRATTO DAL MIO TERZO LIBRO "STAR BENE SI PUO'!" CHE PUBBLICHERO' AD APRILE '18

"Spesso le persone pensano che la felicità sarà “domani” e questa prospettiva rischia di allontanarle dall’unico tempo in cui si può essere veramente felici: nel “qui e ora” ove è possibile dare valore alle cose che si possiedono e soprattutto si può godere e apprezzare il proprio quotidiano! 
Come anticipato nei capitoli precedenti sono diversi i criteri presi in considerazione per il calcolo della FIL, (Felicità Interna Lorda), come ad esempio: 
• la qualità dell’aria, 
• la salute dei cittadini, 
• l’istruzione, 
• la ricchezza dei rapporti sociali.

Questi parametri si scontrano però con quelli del PIL, (Prodotto Interno Lordo), che non si “arricchiscono” di altruismo e di buoni rapporti sociali come evidenziato dal grande sociologo Zygmunt Bauman:
-Se lei fa un incidente in macchina l’economia ci guadagna. I medici lavorano. I fornitori di medicinali incassano e così il suo meccanico. Se lei invece entra nel cortile del vicino e gli dà una mano a tagliare la siepe compie un gesto antipatriottico perché il Pil non cresce. Questo è il tipo di economia che abbiamo rilanciato all’infinito. Se un bene passa da una mano all’altra senza scambio di denaro è uno scandalo!-

In queste poche righe è contenuto secondo il mio punto di vista, un messaggio importante: la società occidentale rispetta solo le logiche del PIL e di conseguenza non ci dona e non ci permette di avere un’esistenza fondata sulla Felicità!

Essere felici è un diritto che deve essere garantito a ogni cittadino, introducendo nel nostro quotidiano e con pari dignità anche i parametri che caratterizzano le logiche della FIL!

Oggi molti di noi sono influenzati dai cosiddetti “falsi idoli”: 
i soldi, la fama, il successo, il potere che sono intesi come strumenti per misurare la propria felicità; e tale schema di pensiero sorge perché inquinato o influenzato dal fatto di non comprendere che tale atteggiamento genera solo ansia e una gioia effimera che ti induce a cercare continuamente una cosa senza frenare il desiderio di volerne subito dopo un’altra".

1 Commenti

CORSO DI FORMAZIONE "STAR BENE SI PUO'!"

Vuoi migliorare le tue performance professionali?

 

Clicca sull'immagine

e scopri le caratteristiche

del corso di

counseling e coaching

"Star Bene si Può!"

0 Commenti

UN ASSAGGIO DEL MIO TERZO LIBRO "STAR BENE SI PUO'! CHE PUBBLICHERO' AD APRILE '18

"Le persone di successo, ottengono ciò che desiderano perché pensano ed agiscono in modo completamente diverso rispetto agli altri; e il loro valore aggiunto consiste nel creare una sinergia tra la mente e il cuore ottenendo così uno strepitoso lavoro di squadra tra la razionalità e l’emotività che li proietta ad andare oltre lo schema mentale che limita i “molti” per arrivare invece in “luoghi” capaci di nutrire la loro anima e di vivere uniche esperienze arricchenti sotto l’aspetto delle emozioni!

Sai qual è la bella notizia?

Apprendere da chi sa cosa fare per essere felice, ti consente di capire di cosa hai bisogno per la tua felicità!

E questo accade nel momento in cui superi la paura di aprire una “porticina” per "varcare" il tuo perimetro di abitudini e di consuetudini che può apparentemente fornirti una base sicura; ma che nei fatti paghi a caro prezzo perché non ti facilita ad uscire da esso per scoprire che il mondo è più grande e ricco di opportunità rispetto alla tua zona di comfort e che ti aspetta per essere vissuto e per farti crescere in termini di emozioni e di esperienze utili per il tuo Star Bene!

Questo risultato se lo otterrai, sarà figlio della tua volontà di andare oltre i soliti confini esistenziali e ti donerà la consapevolezza di sentirti libero di essere felice e di dire con forza “BASTA” alle convinzioni limitanti che ti allontanano dal vivere il tempo delle sane emozioni capaci di nutrire il tuo cuore e la tua anima!".

1 Commenti

ANTICIPAZIONE DI "STAR BENE SI PUO'!"

"Se riesci a prendere delle decisioni significa che di fronte a “n” possibilità, attivi un metodo di pensiero, di strategia, di convinzioni, di motivazione e di agire che ti permette di fare una scelta rispetto ad un’altra perché è probabile che tu abbia sviluppato la capacità di definire delle priorità per aver così chiarezza dell’obiettivo da ottenere!

E nel far ciò sei consapevole che il “risultato desiderato” deve essere specifico, misurabile, realistico e raggiungibile in un tempo capace di soddisfare le tue aspettative.

Quando ti è chiaro tutto questo “processo” realizzativo hai modo di esprimere al massimo le tue risorse e le tue potenzialità!"

Tratto dal mio terzo libro "Star Bene si Può!" che pubblicherò ad aprile '18.

0 Commenti

STAR BENE SI PUO'!

La felicità

è un viaggio

da vivere e da scoprire

e per ottenerla

è importante mettere in campo

il meglio di te!

Tratto dal mio terzo libro "Star Bene si Può!" che pubblicherò ad aprile '18!

0 Commenti

BUON NATALE A TUTTI VOI DA PARTE DI SC COACH COUNSELING! DANA E ERMES

0 Commenti

LETTURA CONSIGLIATA PER NATALE!

Nell'attesa di leggere il mio terzo libro,                           

"Star Bene si Può" 

che presenterò ad aprile 2018, vi consiglio per Natale di regalarvi o regalare i primi due testi che ho scritto e che parlano di tematiche di attualità.

 

Perché scegliere questi due libri?

 

Perché danno voce a coloro che hanno vissuto e vivono certe esperienze di vita!

 

Cliccate sull'immagine per visualizzare i libri: avrete modo di leggere le prime pagine di:

 

"Come vivere la fine di un rapporto di coppia"

e

"Adolescenza una vita a parte".

 

Buona lettura e Buon Natale da Ermes Siorini e da SC Coach Counseling!

0 Commenti

ASPIC CON I GIOVANI AL JOB&ORIENTA!

Tre giorni di intenso lavoro e di grandi soddisfazioni per tutti noi di ASPIC al Job&Orienta di Verona, dal 30 novembre al 2 dicembre.

Sono ben 169 i ragazzi che hanno potuto beneficiare dell' aiuto, supporto e ascolto, usufruendo di un colloquio di orientamento di 20 minuti. 

Ascoltare ed accogliere, per facilitare la scelta, spesso difficile, degli studi, (o della professione), da intraprendere dopo il diploma di scuola superiore.

Molti i feedback positivi da parte dei ragazzi, che con entusiasmo e fiducia spesso inviavano al nostro stand altri compagni di scuola. 

Un in bocca al lupo ai tanti giovani che con i colleghi abbiamo incontrato perché possano vivere un futuro capace di soddisfare le loro aspettative!

0 Commenti

PRESENTAZIONE DEL LIBRO "ADOLESCENZA UNA VITA A PARTE"

0 Commenti

I VANTAGGI DI OSARE!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cambiamento voluto 
ti dona delle opportunità 
che una zona di comfort limitante 
non ti permetterà mai di vivere!
Osare per uscire da uno stato di bisogno.
Osare per scoprire risorse e capacità che non sfruttavi da tempo.
Osare per scegliere nuovi percorsi di vita e capire che si può sempre migliorare!
E se migliori, nutri il tuo star bene!

0 Commenti

LA FELICITA' DONA LUCE E COLORI!

Se qualcuno riesce ad arricchire il tuo cuore e la tua anima non chiederti perché è entrato nella tua vita!

Semplicemente vivi e dai valore ad ogni istante che puoi trascorrere con chi ti rende felice!

E dona anche tu felicità a chi ti permette di vivere un ricco quotidiano di luce e colori!

0 Commenti

LA MIA INTERVISTA A TELE RADIO VENEZIA!

0 Commenti

IL NOSTRO MIGLIOR MENTORE E' DENTRO DI NOI!

Non mi piace il mio lavoro..
Non mi piace la mia compagnia…
Non mi piace vivere in questa città…
Non mi piace che la gente pensi questo di me…

Non mi piace….

 

Quanti sono i “non mi piace” che ogni giorno molte persone si dicono e ci riferiscono?

Domanda: perché invocano tutto ciò?

Perché sperano che qualcuno intervenga per aiutarli nel loro miglioramento esistenziale?

Perché preferiscono ricoprire il ruolo di vittime per accusare gli “altri” o la “società” di fare poco per loro? O perché si sentono poco capiti e aiutati?

Il “tempo” e gli “altri” spesso non ascoltano certe persone, non le percepiscono e se le ascoltano e le percepiscono è probabile che in alcuni casi non daranno loro delle soluzioni.

E così il tempo scorre, gli altri fanno la loro vita e la società continua ad esistere anche senza aver dato una sola risposta alle esigenze di taluni che continueranno ad aspettare!

Essere consapevoli che i “non mi piace” appartengono solo a noi, che è “roba” nostra e che le risposte alle nostre esigenze sono dentro di noi, è la convinzione migliore che possiamo attivare per usare al meglio le capacità che possediamo in modo pro-attivo!

Solo se scegliamo di attivare lo “stato di attori protagonisti” del nostro destino possiamo aumentare le probabilità di dare delle risposte ai vari “non mi piace” che possiamo “incontrare “ o generare durante il nostro cammino di vita!

Con due esiti importanti:
- il primo che impariamo ad essere responsabili e realizzatori del nostro STAR BENE;
- il secondo è che abbracciando l’approccio costruttivo e responsabile prima descritto, riduciamo nel tempo la nascita di altri “non mi piace” perché allontaniamo sempre più quei pensieri e certi atteggiamenti che favoriscono il proliferare di insoddisfazione nel nostro quotidiano!

La bella notizia?

Impariamo a fare la scelta migliore per farci guidare nel tempo e nel luogo ove si può generare e coltivare il nostro benessere fisico e mentale!

Buona scelta!

0 Commenti

FELICITA': COME LA RAGGIUNGI?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La felicità non è solo un tempo e un luogo ove stare!

E' quel bel viaggio che bisogna vivere con gioia e consapevolezza

per arrivare alla meta desiderata per soddisfare le proprie aspettative!

In questo modo diamo valore ad ogni passo del nostro percorso

e impariamo a vivere la felicità in ogni momento del nostro vissuto!

È una scelta: 
possiamo decidere di sentirci ricchi di emozioni solo al termine del viaggio esperienziale 

possiamo provare la stessa arricchente sensazione fin dal primo centimetro del nostro percorso e così fino al raggiungimento del nostro obiettivo desiderato!

Ora chiediti: 
è meglio gioire solo una volta 

lungo tutto il percorso che ci conduce alla felicità?

Scegli!

0 Commenti

DIAMO VALORE AI PICCOLI GESTI?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Apparentemente sono piccoli gesti
semplici attenzioni.
Donare il proprio tempo a qualcuno, 
dire una parola al momento giusto, 
ascoltare in modo empatico,
dare una carezza
regalare un sorriso 
o un abbraccio,
sono dei gesti che nella loro semplicità 
non sono mai piccoli.
Sono preziosi e straordinari
perché si da importanza e priorità 
al 'qui e ora' di una persona e per
questo vanno donati ad un cuore che li sa

accogliere, apprezzare e condividere.

0 Commenti

STAR BENE E' UNA SCELTA!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Star bene o star male 
è solo una questione 
di SCELTE!

È proprio così!

In base alla convinzione che scegliamo e che ci guida (il PERCHÉ),

stabiliamo il nostro obiettivo (COSA)

e individuiamo gli strumenti per raggiungerlo (COME)

nei tempi giusti (QUANDO) per il nostro STAR BENE!

È importante farci guidare da una sana e utile convinzione 
per creare e goderci ogni centimetro di un 
nuovo percorso esperienziale capace di soddisfare 
le nostre aspettative.

Ottenuto tale esito avremo creato in noi 
una nuova consapevolezza 
che ci permetterà di attuare nel quotidiano 
nuove forme e strategie di pensiero 
che daranno vita a comportamenti e

azioni innovative che ci consentiranno

di utilizzare ancora meglio le nostre risorse!

Così usciremo da una zona di comfort 
per vedere, incontrare e abbracciare 
nuove esperienze e opportunità 
che la vita ci offre ogni giorno!

0 Commenti

PERCHE' E COME TI INNAMORI?

Se ci s’innamora solo della bellezza di una donna, il tempo ci mostrerà

i cambiamenti del suo volto 
e qualcuno rischierà di farsi rapire

dalle sirene del piacere 
e cercare un aspetto esteriore più giovane in un’altra persona.

Se ci s’innamora dell’anima di una donna, 
ove giace la sua vera ricchezza
si comprenderà il valore dell’amata 
e anche dopo 100 anni, 
si continuerà a vederla, ad amarla e a provare sane emozioni 
come fosse il primo incontro,
perché l’anima non conosce il tempo!

L’amore è come una poesia 

e il suo valore non si trova nel significato letterale delle parole 
ma nella profondità del cuore e dell’anima del poeta!

2 Commenti

COME INIZIARE BENE UNA RELAZIONE?

 

 

Cosa mi attrae in una relazione?

la materialità o la spiritualità

del rapporto?

O entrambe le cose in un giusto equilibrio?

 

 

 

 

Quando una relazione nasce

dall’incontro tra due anime
e riesci a cogliere e vivere quest’opportunità,
hai modo, in poco tempo,
di provare sane emozioni,
di conoscere meglio l’altro, 
di dare valore a questo vissuto
e di vivere il tuo "qui e ora
con maggior consapevolezza e in modo più arricchente
di quanto possa accadere in tanti anni
in un semplice rapporto tra due corpi!

0 Commenti

L'IMPORTANZA DEL TEMPO NELLE RELAZIONI

Un cliente mi chiede: 
"Mi piace una persona cosa posso fare per capire se le interesso?".

Il mio compito è "aiutare ad aiutarsi" e quindi guido il cliente a trovare la risposta con delle domande:

"Se ti piace qualcuno cosa sei disposto a dedicargli?"
Risposta: 
"il mio TEMPO!".

Il tempo è un bene prezioso che possediamo e lo usiamo secondo delle PRIORITA'!

Alla fine del percorso di counseling e coaching, il cliente è giunto a delle conclusioni che condivido con tutti voi:

- se interesso a una persona, mi DEDICA il suo tempo;
- se una persona mi vuole bene, lo comprendo da "COME" utilizza il tempo per me;
- se una persona mi ama, ciò che fa la differenza, è il "PERCHE'" sceglie di stare la maggior parte del suo tempo con me.

Quando siamo attratti da una persona la prima cosa che investiamo, è il tempo da donare a chi ci interessa.

Per il nostro star bene, è utile valorizzare non chi ci dedica le proprie "pause" ma chi ci dona col cuore il suo tempo cioè quel bene che una volta ricevuto non può essere recuperato!

0 Commenti

CHE COS'E' LA FELICITA'?

Nel raggiungere una meta 
è importante gioire e godersi il percorso 
per cogliere e vivere l’unico tempo
in grado di soddisfare le tue aspettative!

 

Puoi giungere così in quel luogo che ti permette di incontrare e sentire la felicità!

0 Commenti

SAPERSI EMOZIONARE!

È bello sapere che ci si può emozionare a qualsiasi età!

E ciò accade ogni volta che usiamo il nostro tempo e la nostra energia nell'ancorarci ad un pensiero positivo!

L'esito di questa convinzione ci guida e ci facilita a creare e a vivere sane emozioni per arricchire la nostra anima!

È una scelta che replicata con consapevolezza, può migliorare il nostro 'qui e ora'!

0 Commenti

VIVERE BENE IL PROPRIO TEMPO!

Il legame con una persona speciale, ti permette di capire quanto importante sia investire il tempo con chi ti fa star bene perché hai modo di vivere e vedere il tuo “qui e ora” da una prospettiva diversa dando così valore e voce alle tue emozioni!

Questa “dimensione” genera subito dei benefici: gli impegni, le difficoltà e i problemi di tutti i giorni assumono un significato diverso, li vedi con una luce “nuova” e li senti meno pesanti!

Improvvisamente le sfide del quotidiano non occupano più le prime posizioni nei tuoi pensieri!

Senti la tua mente libera, leggera e capace di donarti una bella energia per affrontare nel miglior dei modi il tuo presente!

E’ il potere di amare e di sentirsi amati!

Questa consapevolezza ti dona una visione nuova: 
la felicità è “vivere” e trascorrere il tempo con chi può arricchire la tua anima e il tuo cuore!

E’ il tempo trascorso con i figli, con la persona amata e con tutti i legami d’affetto!

Questo è il tempo che da senso e linfa alla tua esistenza!

Quanto nutri questi affetti primari?

Sei invece prevalentemente coinvolto in vissuti “materiali” col rischio di rendere arida la tua anima?

Fare la scelta giusta significa essere consapevole di “come” usi il tuo tempo e del “perché” è importante coltivare e nutrire la sfera dei sentimenti.

Il tempo della vita è come un fiume che scorre: lungo questo percorso ci sono precisi istanti per vivere delle emozioni e se scegli di non esserci, nessuno potrà restituirtele!

La bella notizia è che in ogni momento puoi riorganizzare le tue priorità perché sei l’unico “titolare” del tuo tempo!

1 Commenti

EMPATIA, COMUNICAZIONE E RELAZIONE DI COPPIA

Ci innamoriamo di una persona per la sua bellezza estetica o per la ricchezza della sua anima?

Cosa rende vivo, coinvolgente e duraturo un rapporto di coppia?

Una sana relazione è possibile quando tra due persone vi è una sana comunicazione!

Sana relazione = sana comunicazione

Perché questa “equazione” sia rispettata e attuata nel tempo, è fondamentale che tra due soggetti nasca fin da subito un rapporto empatico!

 

Che cos’è l’empatia?

È la capacità di “sentire dentro l’altro/a”.

Con l’empatia si vive una profonda identificazione con una persona e tale esito ci consente di conoscere le sue esperienze, di percepire i suoi sentimenti e di ascoltare le sue emozioni!

Si ha modo di sentire ciò che spesso rimane inascoltato: la bellezza interiore di chi si ama!

Ascoltare e leggere l’anima della persona amata, comunicare in modo empatico con chi ti fa battere il cuore, favorisce la nascita di un cammino di vita sentimentale arricchente e fondato sul rispetto reciproco perché la relazione si nutre nel tempo di sane emozioni e di momenti di felicità!

E quando un rapporto si fonda sulla conoscenza delle reciproche anime, si può amare e sentirsi amati!

0 Commenti

ALLONTANARSI DALLE RELAZIONI INSANE PER VIVERE E COLTIVARE QUELLE SANE!

Ci sono individui che per i loro scopi personali fingono di essere degli amici o di provare un sentimento nei confronti di qualcuno e invece usano altre persone solo per raggiungere i loro obiettivi.

A risultato ottenuto spariscono e si rifanno vivi solo quando hanno un altro interesse personale da espletare!

E chi spende il proprio tempo per soggetti di questo tipo rischia:

- di trascurare i veri amici e quindi di perdere delle esperienze arricchenti in senso lato;
- di vivere dei dispiaceri e di ridurre quella lucidità che ti consente di scegliere solo coloro che meritano di entrare nel tuo tempo!

La bella notizia?

Siamo noi a scegliere con chi stare e la probabilità di evitare chi non sa costruire una sana relazione dipende dalla nostra capacità di volerci bene e di esigere un rispetto reciproco in ogni rapporto, sia esso di amicizia o sentimentale!

Lo star bene con gli altri è possibile se prima lo sperimentiamo su noi stessi, perché solo agendo nel rispetto di ciò che siamo generiamo delle sane relazioni ove gli attori interessati sono reciprocamente dei 'produttori e consumatori' di 'ingredienti' fondamentali per nutrire un rapporto che merita di essere vissuto!

E anche in questo caso, la nostra felicità dipende dal tipo di scelta che ognuno di noi compie!

0 Commenti

METTERE AL CENTRO DI OGNI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO IL BENESSERE DELLA PERSONA!

Adriano Olivetti è stato un grande e geniale imprenditore italiano perché ha saputo:

- prevedere lo sviluppo tecnologico della società che doveva essere al servizio dell'uomo e in equilibrio con i valori umani;

- mettere al centro dell'organizzazione aziendale il benessere del lavoratore.

Oggi viviamo in una società che a mio avviso non ha colto gli insegnamenti di Olivetti:

- la tecnologia sta inaridendo i rapporti umani e riducendo lo sviluppo dell'intelligenza emotiva;

- Il benessere del lavoratore non è la costante attorno alla quale viene organizzato il lavoro col peggioramento della qualità della vita di molti impiegati e operai.

Abbiamo la fortuna di aver avuto dei grandi italiani come Olivetti e la domanda da porsi è: perché non abbiamo utilizzato al meglio la sua eredità culturale e la sua visione della società?

0 Commenti

IL COUNSELING ENTRA IN AZIENDA!

 

Cambia il mondo dei benefit: le aziende ora propongono programmi di benessere, corsi per la gestione del tempo e servizi di bike sharing.

 

 

Clicca sull'immagine e leggi l'interessante articolo che spiega come il COUNSELING può migliorare la qualità della vita di un dipendente!

 

SC COACH COUNSELING

Professionisti che facilitano

le PERSONE e le AZIENDE

a ottenere

un cambiamento di successo!

0 Commenti

OTTIMI RISULTATI DAL PROGETTO            "GO FOR IT"                                                IDEATO DA SC COACH COUNSELING!

Lunedì 13 febbraio si è concluso il progetto GO FOR IT, ideato da SC Coach Counseling e iniziato il 28 maggio 2016! 

 

GO FOR IT è stato un percorso teorico esperienziale che ha migliorato ancor di più le performance personali e professionali di ogni dipendente/collaboratore che ha partecipato ai nostri laboratori esperienziali!

 

Come è stata organizzata l’ultima tappa di questo percorso formativo?

 

In modo innovativo con una giornata dedicata al Team building nell'ambito food!

 

Il Team Cooking ha sperimentato l'importanza di unire le capacità dei singoli per collaborare sinergicamente alla realizzazione di deliziose pietanze.

 

Cosi come nella "Brigata di cucina", anche nelle aziende le persone devono essere motivate, affiatate, autonome e collaborative per essere produttive e generare risultati eccellenti.

 

La cucina è stata la palestra dove imparare a fare gruppo, a collaborare, a condividere, a comunicare, a conoscere meglio il proprio "collega".

 

Il miglior modo per fare sintesi e mettere in pratica in un contesto diverso ma caratterizzato dalle stesse dinamiche, quanto appreso nei tre laboratori esperienziali di GO FOR IT!

 

SC COACH COUNSELING

Professionisti che facilitano

le PERSONE e le AZIENDE

a ottenere

un cambiamento di successo!

 

 

 

Il Counselor e il Coach esercitano la professione nel rispetto della Legge n. 4 del 14 gennaio 2013, pubblicata nella GU n. 22 del 26/01/2013

 

 

 

0 Commenti

AFFRONTARE NEL MODO GIUSTO LE SFIDE DELLA VITA!

Vivere la propria vita senza sofferenze è il sogno di tutti!

 

Il nostro percorso esistenziale invece è fatto di sfide:

 

a volte ne usciamo vincitori e in altre occasioni abbiamo modo di comprendere le nostre aree di miglioramento!

 

Quando vinciamo, ci godiamo la vittoria.

 

Quando perdiamo, abbiamo due possibilità:

 

vivere il presente senza fare i conti col passato col rischio di non “sentire” e di non “vedere” i momenti felici e gioiosi del nostro quotidiano;

 

oppure affrontare quanto accaduto, vincere il “conflitto interno” nato da una sconfitta e  continuare così la nostra esistenza apprezzando nel migliore dei modi ciò che possediamo nell’unico tempo che merita di essere vissuto: il “qui e ora”!

 

Maturare la consapevolezza che "scrivere" la “miglior storia” del nostro cammino di vita dipende molto dalle scelte che facciamo, ci permette di eliminare eventuali convinzioni limitanti e ci facilita ad utilizzare bene le nostre risorse per dirigerci verso la "meta" che può donarci la nostra felicità!

0 Commenti

IL RUOLO DEL COACH-COUNSELOR IN AZIENDA!

Il ruolo di un coach e di un counselor in azienda: come questi ruoli professionali possono migliorare lo "star bene" nel contesto lavorativo.

Leggete l'articolo che ho scritto nel sito dell'associazione Italiana Formatori!

Per accedere alla mia intervista cliccate sull'immagine.

0 Commenti

STAR BENE SI PUO'!

Lo STAR BENE dipende molto da ognuno di noi.

Spesso cerchiamo delle risposte “ dall’ambiente esterno” e questo atteggiamento può indurci a pensare che le soluzioni alle nostre esigenze dipendano dagli altri

E se questi “altri” non si accorgono di noi? 

E’ probabile che l’esito di questa “attesa delegata” sarà posticipare nel tempo il nostro futuro desiderato!

Cosa accade quando un nostro bisogno non trova una risposta?
Accade che rimaniamo delusi!

E rimaniamo delusi a causa di CHI?

Di un “qualcuno” che non ci ha aiutato o di noi stessi poiché non abbiamo utilizzato tutte le nostre risorse per arrivare alla meta desiderata?

La domanda che dobbiamo porci è: se vogliamo migliorarci in senso lato perché dobbiamo aspettare che sia “l’ambiente esterno” a trovare delle risposte alle nostre esigenze personali?

Un futuro desiderato è solo nostro e delegare la nostra felicità o il nostro benessere a tutto ciò che è “esterno” a noi non è producente se rimaniamo in uno stato di “passività” e di attesa nella “speranza” di essere aiutati!

Il miglior mentore per ognuno di noi è dentro di noi!

Tiriamo fuori il meglio di noi stessi perché in questo modo otteniamo due risultati importanti:

 la consapevolezza che per migliorare il nostro presente molto dipende da noi e dalla nostra capacità di esprimere le migliori risorse che possediamo e dando valore ad ogni cosa che facciamo;

 se siamo consapevoli del nostro valore è probabile che ci circonderemo di persone con adeguate caratteristiche per creare una rete sociale in grado di arricchirci come individui e di arricchire chi condivide con noi un percorso di vita, di amicizia e di sentimenti!

La nostra capacità di lavorare su noi stessi e di realizzare una “rete sociale sana” avviene quando agiamo nello stato di “VOGLIO FARE”!

Con tale atteggiamento evitiamo di relazionarci con noi stessi e con altri individui nello stato del “DEVO FARE” ove la maggior parte della nostra energia è “spesa” per soddisfare ciò che non gratifica la nostra autostima; e il perdurare di questa situazione ci genera ansiastress e in molti casi ci sentiamo anchegiudicati perché il nostro prezioso tempo non lo spendiamo per noi ma per qualcun altro!

Lo stato invece del “VOGLIO FARE” presenta molti vantaggi: viviamo la realtà dalla prospettiva di essere centrati su noi stessi; ogni secondo del nostro tempo è speso per ancorarci alle nostre miglioririsorse che ci consentono di vivere il presente con passione; affrontiamo gli ostacoli non come un freno ma come uno stimolo per testare le nostre risorse interne e per migliorarci ogni volta che vinciamo unasfida

E in questo modo riduciamo i pensieri negativi, lo stress e il peso di sentirci giudicati!

Un semplice esercizio per capire se siamo sulla strada giusta per ottenere nei tempi adeguati ciò che sentiamo essere utile e importante per il nostro star bene, è quello di chiederci quante volte in una giornata agiamo nello stato del “DEVO FARE” o del “VOGLIO FARE”

Verificate sulla “bilancia del vostro agire” se “pesa” più una modalità di pensiero e di atteggiamento rispetto ad un’altra e in base all’esito che otterrete avrete modo:
- di avere delle conferme che arricchiranno ancor di più il vostro valore di persona; 
- oppure dopo esservi ascoltati e “osservati” da una nuova prospettiva, vi si presenterà una realtà che vi porterà a riflettere e a capire che è giunto il momento di scegliere una strategia di comportamento diversa per facilitare il raggiungimento del vostro benessere personale!

E' sempre e solo una questione di consapevolezza e di fare la scelta più vantaggiosa per il nostroSTAR BENE!

0 Commenti

LA FELICITA' NON E' VIVERE NELL'AGIO MA E' LA CAPACITA' DI CONTROLLARE LE SFIDE CHE IL FATO CI PONE E USCIRNE VINCITORI!

0 Commenti

L'IMPORTANZA DELLE RELAZIONI

Le relazioni!

 

Da quanto tempo ne sentiamo parlare e le viviamo in prima persona?

 

Da sempre!

 

L’essere umano è “programmato” per relazionarsi con gli altri.

 

La domanda che mi sono fatto è la seguente: quanto la cultura patriarcale ha influenzato le relazioni?

 

E quanto l’attuale cultura post-patriarcale sta migliorando o peggiorando le relazioni?

 

Nel tentativo di rispondere a queste due domande ho compreso che le generazioni precedenti, la mia e quelle attuali, hanno in comune un aspetto purtroppo ancora presente in molti di noi:

ESSERE DEGLI ANALFABETI SUL PIANO RELAZIONALE.

 

Perché sono giunto a questa conclusione?

 

Pensateci un attimo:  

 

siamo tutti figli di società patriarcali che hanno influenzato per tantissimi anni l’organizzazione della famiglia, della scuola e del contesto lavorativo.

 

Come è avvenuto tutto ciò?  

 

La società patriarcale ha favorito forme di comunicazione gerarchiche e unidirezionali tra gli individui, (padre-figlio, maestro-alunno,  marito-moglie, datore di lavoro – operaio, ecc) e ha investito praticamente “zero” nell’educare i bambini e gli adulti a sviluppare doti comunicativo-relazionali .

 

Questo è un riscontro storico-sociologico.

 

Quale analisi sorge?

 

Per  tanto e troppo tempo si è pensato erroneamente che la capacità comunicativo-relazionale fosse una dote innata e sulla base di questa errata “convinzione” la scuola ha investito solo sull’intelligenza razionale, (leggere, scrivere e fare i conti) e ha trascurato lo sviluppo dell’intelligenza emotiva.

 

Cos’è l’intelligenza emotiva?

“E’ la capacità di percepire, identificare e riconoscere i sentimenti propri ed altrui in maniera precisa nel momento stesso in cui sorgono. È anche la capacità di auto-motivarsi e gestire le proprie emozioni in modo costruttivo”.

 

Qual è la cronaca odierna?

 

Sempre più conflitti nel lavoro, nelle amicizie, nel rapporto di coppia, con i figli, con i famigliari, ecc.

 

Come mai oggi il livello di conflittualità è ben maggiore rispetto al passato?

Perché 40, 50, 100 anni or sono, l’educazione rigida portava i nostri avi a vivere con maggior sopportazione e rassegnazione certe situazioni.

 

Oggi certi vincoli culturali non ci sono più.

 

Abbiamo abbandonato l’educazione del 20° secolo senza crearne una nuova e migliore per il “qui e ora”.

 

Anzi!

 

Abbiamo mantenuto col passato una convinzione limitante: quella di continuare a non investire nell’educare le persone a sviluppare l’intelligenza emotiva!

 

Prova  ad immaginare se a scuola, in famiglia e nel contesto lavorativo, venisse insegnato il VALORE di COMUNICARE e COME COMUNICARE per sviluppare la capacità:

- di ascoltare in modo attivo l’altro/a

- di comprendere i segnali non verbali dell’altro/a

- di osservare e capire le aspettative e le dinamiche relazionali dell’altro/a

- di comprendere le emozioni che nascono in noi e nell’altro/a

- di riconoscere gli obiettivi reali della comunicazione rispetto a quelli apparenti

- di distinguere l’atteggiamento reale da quello che sta dietro alla “maschera” di ciascuno di noi.

 

Secondo te se ai bambini e anche agli adulti che hanno un ruolo educativo, fosse insegnato a vivere e ad imparare quanto descritto, non pensi che molti conflitti relazionali verrebbero meno?

 

Io ne sono convinto!

Sento che se la società fosse caratterizzata da persone dotate di intelligenza emotiva molti conflitti non troverebbero esistenza grazie ad un modo nuovo e migliore di vivere le relazioni con gli altri!

 

Viviamo nel 21° secolo, periodo di grandi evoluzioni tecnologiche e… di grande arretratezza a livello comunicativo-emozionale!

 

E questo gap tra sviluppo tecnologico e assenza di intelligenza emotiva rende l’attuale società molto  povera di sentimenti e emozioni.

 

In sintesi una società che soddisfa ogni desiderio materiale e non nutre in nessun modo la nostra anima!

 

Per evitare società future ancora più aride di sentimenti e emozioni è utile modificare l’impianto scolastico e quello educativo familiare per promuovere in tutti noi delle competenze psico-sociali per comunicare in modo efficace, per vivere con consapevolezza le relazioni, per imparare a vivere e esprimere i nostri sentimenti e le nostre emozioni e per riconoscere e vivere in modo positivo le differenze tra noi e gli altri.

 

Serve un importante cambiamento culturale e penso che sia il più utile e vantaggioso investimento da fare per le società del futuro per  consegnare ai nostri figli un “domani” ricco di valori, di sentimenti , di emozioni  per migliorare sempre più la qualità della vita, condizione necessaria per vivere bene il quotidiano della nostra esistenza!

 

 

Ermes Siorini

0 Commenti

UN BENE PREZIOSO: IL NOSTRO TEMPO!

Se ti chiedessi: qual è la cosa più importante per te?


Cosa risponderesti?

Immagino che tra le varie risposte potresti riferirmi:
la famiglia, i figli, gli amici, il lavoro ecc.

Qualsiasi possa essere il tuo feedback avresti individuato COSA è importante per te.

Ora chiediti: COME posso godermi e vivere intensamente la COSA che per me ha più valore? 

Utilizzando nel migliore dei modi il dono più prezioso che possiedi: il tuo TEMPO!

Fatto 100 il TEMPO che hai a disposizione quanto ne riservi a quei momenti della tua esistenza che ti regalano delle sane emozioni?

E quanto tempo invece spendi per soddisfare solo esigenze 'materiali' o poco arricchenti per la tua anima?

Essere consapevole che il tuo TEMPO è limitato ti permette di comprendere che è utile investirlo in grandi quantità negli eventi importanti del tuo 'qui è ora' per nutrire i tuoi e altrui sentimenti!

Ecco i benefici di 'SENTIRE' questa CONSAPEVOLEZZA:

1. scegliere 'COSA' ha valore per te, 
2. regalarti più gioie e emozioni,
3. farti guidare per vivere il TEMPO migliore della tua vita! 

Utilizza il TEMPO per fare la scelta giusta e capace di condurti nella dimensione dello STAR BENE con te stesso e con i tuoi cari!

 

SC COACH COUNSELING

Professionisti che facilitano

le PERSONE e le AZIENDE

a ottenere

un cambiamento di successo!

 

 

Il Counselor e il Coach esercitano la professione nel rispetto della Legge n. 4 del 14 gennaio 2013, pubblicata nella GU n. 22 del 26/01/2013

0 Commenti

IL BELLO DI SENTIRMI LIBERO DI ESSERE FELICE!

Ti è capitato di voler cambiare qualcosa della tua vita e di voler prendere una decisione?

Cosa fare per aumentare le probabilità di successo?

Mi pongo delle domande di "qualità"!

COSA voglio ottenere, quale obiettivo
L'obiettivo che mi sono posto è misurabile, raggiungibile e ho gli strumenti per ottenerlo?

PERCHE' voglio ottenere un certo obiettivo? 
Qual è la CONVINZIONE che anima il mio agire?

COME otterrò il mio obiettivo? 
Quali risorse metterò in campo per realizzarlo?

QUANDO otterrò il mio obiettivo? 
Quando inizierò e concluderò il mio impegno/agire per raggiungere il risultato atteso?

Se il mio agire coinvolgerà un’altra persona sarò soddisfatto se otterrò dei vantaggi personali o se raggiungerò un finale “aperto WIN WIN” ove sia io sia “l’altro/a” saremo felici?

Ottenute tutte le risposte, immagina nel “qui e ora” di aver già ottenuto l'obiettivo e prova a “sentire dal futuro” le sensazioni che proverai se farai una scelta rispetto ad un’altra; se sentirai solo vantaggi e soddisfazioni tale decisione sarà molto probabilmente quella giusta da prendere!

Si tratta di scegliere tra la difesa e l’accettazione del proprio “ status quo” o la libertà di sentirsi liberi e felici nell’abbracciare un cambiamento per vivere meglio e bene il nostro presente!

 

SC COACH COUNSELING

Professionisti che facilitano

le PERSONE e le AZIENDE

a ottenere

un cambiamento di successo!

 

Il Counselor e il Coach esercitano la professione nel rispetto della Legge n. 4 del 14 gennaio 2013, pubblicata nella GU n. 22 del 26/01/2013

0 Commenti

SC COACH COUNSELING professionisti che facilitano le PERSONE e le AZIENDE a ottenere un cambiamento di successo!

Quando riusciamo a facilitare un nostro cliente ad ottenere il risultato atteso, il suo successo è il nostro miglior risultato!

0 Commenti

PERCHE' DESIDERIAMO AVERE UNA RELAZIONE SENTIMENTALE?

Perché desideriamo avere una relazione sentimentale?
Immagino che per molti tale desiderio nasca dall'esigenza di amare e vivere bellissime emozioni!
Ottima risposta che evidenzia ciò che vorremmo che accadesse in un legame amoroso.
Quali sono le dinamiche che stanno a monte e che determinano la solidità di un legame?
Una domanda da porsi è: voglio o devo trovare l'anima gemella?
Se 'voglio' significa che sono centrato su me stesso/a, che ho risolto eventuali questioni col passato e che affronto con serenità questo mio desiderio con la consapevolezza che il rapporto si costruirà in due per viverlo bene in due! 
Se 'devo' invece è probabile che qualche 'fantasma di una mia storia vissuta' possa influenzare troppo il mio presente col rischio di costruire un legame che serve solo a me e che non è orientato a costruire un sano rapporto di coppia; e in tali condizioni è probabile replicare modalità di scelte del passato che già mi hanno sottoposto ad esperienze dolorose.
E un'altra domanda da porsi è:
quali caratteristiche deve avere il partner per soddisfare le reciproche aspettative di coppia?
Chimica, saper ascoltare, saper comunicare e confrontarsi, saper amare ogni giorno in modo diverso, saper vivere ogni giorno con l'intensità del primo incontro, ecc. 
Immaginate che queste e altre caratteristiche siano tutte sopra ad un tavolo, quindi su un asse orizzontale ove apparentemente sembrano avere tutte la stessa importanza; nei fatti invece una caratteristica è sicuramente più importante delle altre; come fare per capire quale di queste fa la differenza rispetto alle altre? 
Cambia l'immagine e invece di un tavolo con sopra tutte le tue caratteristiche immagina di vederle su un asse verticale e d'istinto verifica cosa il tuo cuore e la tua mente in perfetta sintonia tra loro, ti suggeriscono. Ciò che vedrai al primo posto, sarà la caratteristica per te più importante e di seguito tutte le altre! 
Un legame sentimentale che nasce col 'voglio' e ove è chiaro lo scopo del tuo agire (la caratteristica prioritaria) continuerà ad essere solido nel tempo quando tra due persone si otterrà prevalentemente un risultato: WIN WIN!
Quando un rapporto di coppia arricchisce entrambi i fidanzati, i coniugi, e tutti e due si sentono 'vincitori' del loro percorso sentimentale allora le probabilità di vivere una bella storia d'amore aumenteranno notevolmente! 
Più la relazione di coppia è di qualità e più si evita di arricchire una sola persona e più si allontanano i rischi di vivere delle delusioni!
Se vuoi iniziare una nuova relazione d'amore misura prima la tua serenità, quanto il tuo passato influenza ancora il tuo presente e quanto 'vuoi' o 'devi' avere un nuovo legame; essere consapevole di quale 'perche' ' ti guida nel creare un nuova storia sentimentale è importante per capire che tipo di rapporto arricchente stai realizzando per star bene e per far star bene la tua anima gemella!

 

 

SC COACH COUNSELING

Professionisti che facilitano

le PERSONE e le AZIENDE

a ottenere

un cambiamento di successo!

0 Commenti

LA VITA E' UNA QUESTIONE DI PRIORITA' E DI SCELTE ADEGUATE!

La vita è una questione di priorità e di scelte adeguate: a volte il nostro 'passato' può essere un 'nemico' o un 'alleato'; nel primo caso molto del nostro tempo è utilizzato per pensare a quello che fu e che non sarà più realtà, togliendoci così il piacere di vivere gli unici attimi che contano e che accadono solo nel 'qui è ora'; nella seconda ipotesi invece abbiamo la possibilità di vivere bene il presente e di scrivere un futuro di sane emozioni e che merita di essere vissuto!
Siamo dotati di libero arbitrio e la sfida sta nell'utilizzarlo bene per fare la scelta migliore e per goderci il presente senza i fantasmi del passato!

Ermes Siorini 3357688046

www.scounseling.it

SC COACH COUNSELING

Professionisti che facilitano

le PERSONE e le AZIENDE

a ottenere un cambiamento di successo!

 

 

Il Counselor e il Coach esercitano la professione nel rispetto della Legge n. 4 del 14 gennaio 2013, pubblicata nella GU n. 22 del 26/01/2013

0 Commenti

PERCHE' SCEGLIERE                                         SC COACH COUNSELING!

STAR BENE SI PUO' !

ECCO DEI VALIDI MOTIVI PER SCEGLIERE

SC COACH COUNSELING!

 

Ci presentiamo!
Dana Caporossi e Ermes Siorini!
Siamo due COUNSELOR professionisti e COACH.

In cosa possiamo esserti d'aiuto?

Il counseling è un'attività professionale che tende ad orientare, sostenere e sviluppare le potenzialità del cliente, promuovendone atteggiamenti attivi, propositivi e stimolando le capacità di scelta.

Come COUNSELOR siamo in grado di aiutare una persona ad aiutarsi per risolvere delle esigenze personali e professionali.

Come COACH siamo in grado di facilitare in un individuo un cambiamento!

Se stai attraversando un periodo particolare della tua vita, come una separazione, un divorzio, la perdita del lavoro o la difficoltà a relazionarti con gli altri, ecc., un percorso di coach counseling può aiutarti a capire meglio te stesso, a fare delle scelte decisionali importanti e a migliorare certi tuoi comportamenti.

 

COSA TI OFFRE UN PERCORSO INDIVIDUALE DI COACH COUNSELING?
Un percorso individuale di coach counseling ti permette di migliorare ancor di più:

- il tuo star bene (con te stesso e con gli altri);
- il tuo modo di ascoltare gli altri;
- il tuo modo di comunicare con gli altri;
- la qualità delle tue relazioni con gli altri;
- la consapevolezza delle tue capacità;
- l'autostima (credere in te stesso)
- l'auto-efficacia (utilizzare al meglio le tue capacità per ottenere un obiettivo).

Contattaci! 
Riceviamo su appuntamento a Piove di Sacco PD e a Mestre VE.
Il primo incontro è gratuito!

 

SC COACH COUNSELING E' UN TEAM DI PROFESSIONISTI IN GRADO DI MIGLIORARE IL BUSINESS DELLA TUA AZIENDA!
COME?
CON DEI PERCORSI FORMATIVI ESPERIENZIALI INNOVATIVI!

Abbiamo ideato il progetto GO FOR IT rivolto alle aziende con una rete di vendita e che desiderano migliorare le performance dei propri collaboratori!

Abbiamo ideato il progetto STAR BENE SI PUO’ rivolto alle aziende che desiderano migliorare le relazioni tra i propri collaboratori!

Riceviamo su appuntamento a Piove di Sacco PD e a Mestre VE. 
Organizziamo dei percorsi formativi esperienziali presso le sedi delle aziende con cui collaboriamo.

 

 

 

I nostri riferimenti:
Dana Caporossi 3488850211
Ermes Siorini 3341873638

www.scounseling.it

 

SC COACH COUNSELING

Professionisti che facilitano

le PERSONE e le AZIENDE

a ottenere

un cambiamento di successo!

 

 

Il Counselor e il Coach esercitano la professione nel rispetto della Legge n. 4 del 14 gennaio 2013, pubblicata nella GU n. 22 del 26/01/2013

1 Commenti

SI VA AVANTI!

Si va avanti verso nuovi successi e soddisfazioni!
Perché? 
Per star bene con noi stessi e con i nostri cari.
Come?
Iniziamo col tagliare i "rami secchi", cose o persone che cercano di ostacolare il nostro bel percorso di vita!

0 Commenti

GODITI GLI ATTIMI DEL TUO PRESENTE!

 

 

 

 

 

Quando il tuo "qui e ora" non lo vivi bene causa un "passato" che ti limita la felicitàcosa fare?
Immagina il futuro che vorresti con la consapevolezza che è tutto da creare e fai qualcosa di nuovo e di concreto per renderlo reale!
Quando sei tu a decidere la tua strada non esistono rinunce, solo scelte!
Vivi la scelta migliore per eliminare i fantasmi del passato e goderti così gli attimi importanti del tuo presente!

0 Commenti

BUON NATALE da Dana e Ermes!

0 Commenti

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE (CNV)

La comunicazione non verbale ci permette di conoscere un dato molto importante: quando parliamo con una persona le informazioni che produciamo sono così suddivise:

       -    movimenti del corpo (volto soprattutto) 55%

-          -    aspetto vocale (volume, tono, ritmo) 38%

-          -     aspetto verbale (parole) 7%

L'efficacia di un messaggio dipende quindi solamente in minima parte dal significato letterale di ciò che viene detto, e il modo in cui questo messaggio viene percepito è influenzato pesantemente dai fattori di comunicazione non verbale.

Conoscere il non verbale di un volto, di un gesto e della postura di un uomo o di una donna, ci permette di cogliere se esiste congruenza tra il “pensare” e “l’agire” di un individuo.

Se non c’è congruenza e si conoscono le tecniche della CNV, è possibile raccogliere molti indizi per capire se una persona sta provando rabbia, tristezza, felicità, ansia, paura, disgusto anche da piccoli movimenti facciali! Le emozioni producono degli stimoli che attivano certi muscoli facciali e se diciamo qualcosa in cui non crediamo o con uno stato d’animo diverso rispetto al verbale, un esperto di CNV può individuare queste informazioni. E il linguaggio della CNV è universale: molti studi condotti in popolazioni completamente  diverse tra loro hanno dimostrato che le emozioni si manifestano sui volti degli esseri umani nello stesso modo.

 

Per comprendere meglio quanto descritto guardate il video delle Iene ove un esperto di CNV osserva dei personaggi illustri evidenziando l’incongruenza tra il loro verbale e le loro reazioni emotive sui rispettivi volti.

Cliccate sull'immagine per vedere il VIDEO!

BUONA VISIONE!

0 Commenti

PERCHE' SC COACH COUNSELING?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SC Coach Counseling è un team di coach e counselor  che aiuta le persone e le aziende ad aiutarsi!

 

Come?

 

Con percorsi individuali di counseling e di coaching per affrontare meglio il proprio quotidiano;

 

Con dei percorsi formativi ed esperienziali di coaching e di counseling  rivolti alle aziende:

Ø  abbiamo ideato il progetto "GO FOR IT" per migliorare le performance dei propri collaboratori;

Ø  abbiamo ideato il progetto " STAR BENE SI PUO' " con l'obiettivo di migliorare all'interno di un gruppo di lavoro, sportivo, ecc. la qualità delle relazioni tra le persone.

 

Contattaci per avere delle informazioni e per conoscere il nostro stile professionale!

 

SC COACH COUNSELING

Professionisti che facilitano

le PERSONE e le AZIENDE

a ottenere

un cambiamento di successo

0 Commenti

CONFERENZA " STAR BENE SI PUO' ! "

Nel tuo quotidiano ci sono dei momenti in cui raggiungi gli obiettivi che ti sei prefisso ed altre situazioni ove pur impegnandoti non riesci a ottenere quanto vorresti!

Cosa ti succede quando il tuo “risultato atteso” non si concretizza?
Sei soddisfatto di come reagisci dal punto di vista emotivo, delle tue convinzioni e sotto l’aspetto comportamentale?

Ti piacerebbe vedere la realtà da «prospettive diverse» per utilizzare le tue emozioni e capacità con maggiore efficacia ed efficienza?

La nostra conferenza ti faciliterà a osservare il quotidiano in modo diverso e a testare quanto appreso con delle attività esperienziali.

Conoscere meglio te stesso per vivere il tuo quotidiano con un approccio costruttivo e positivo!

Ti aspettiamo mercoledì 9 novembre a Padova c/o il centro Aspic di v. Astichello 10 alle ore 20:30!
Dana e Ermes

0 Commenti

LIBRI CONSIGLIATI

Per chi ama approfondire dei temi d'attualità vi suggeriamo i libri che abbiamo scritto sulla separazione in presenza dei figli e sull'adolescenza!

Clicca sull'immagine per leggere le prime pagine dei testi suggeriti!

Buona lettura!

0 Commenti

E' PROGRESSO?

Viviamo in periodo storico ove si parla di industria 4.0, di auto, case, ecc. connesse ad internet.

Una società “bulimica” di tecnologia che investe molto su tutto ciò che è “materiale” trascurando l’anima delle persone.

A tanta tecnologia non corrispondono altrettanti investimenti nei nuovi processi sociali col risultato di ridurre la cultura del “NOI” a favore di un eccesso di individualismo che istiga l’individuo a  scegliere senza essere guidato dai valori ma dal bisogno di soddisfare la propria fame di “materialismo”.

Tutto ciò è progresso? Vivremo meglio?

O corriamo il rischio di favorire la “disgregazione sociale” e di impoverire il nostro quotidiano che sarà sempre più arido di sentimenti e sempre più “figlio” di una “società liquida” come sostenuto da Bauman?

Ci piace pensare che dipende solo da noi decidere il domani.

 

PS Cliccando sulla foto potete leggere il pensiero del noto sociologo sulla questione "società liquida".

0 Commenti

PRESENTAZIONE DEL LIBRO  "ADOLESCENZA UNA VITA A PARTE"

Ermes Siorini e Dana Caporossi, entrambi counselor professionisti e coach, hanno realizzato un progetto con oltre 400 studenti tra i 16 e i 19 anni di un istituto tecnico e di un liceo di Civitavecchia. Questa iniziativa ha permesso di raccogliere tantissime informazioni sul mondo degli adolescenti e che sono state riportate in un libro che consente al lettore di scoprire da un'altra prospettiva le aspettative, le emozioni e le paure dei nostri giovani. 
La serata sarà moderata dalla dott.ssa Linda Talato che faciliterà gli autori, Siorini e Caporossi, a presentare le parti più significative della loro ricerca. 
                            La presentazione del libro "Adolescenza una vita a parte" si terrà

presso la biblioteca di Piove di Sacco

VENERDI' 30 SETTEMBRE '16 alle ore 21:00.

Vi aspettiamo numerosi!

0 Commenti

AGGIORNAMENTO DELL'APP                                   " STAR BENE SI PUO' "

L'APP è un utile strumento per facilitare l’incontro tra noi, coach e counselor con le persone e le aziende al fine di creare una rete di know how esperienziale e professionale per aiutare gli altri ad aiutarsi!

Crediamo nella forza e nella magia del gioco di squadra che permette ad ogni individuo di essere produttore e consumatore di idee!

Facilitare le persone ad ascoltarsi per consapevolizzare il proprio potenziale e per utilizzarlo al meglio è l’obiettivo del nostro agire professionale!

L’APP consente al cliente di entrare facilmente in contatto con noi e di partecipare in modo anonimo ai gruppi online di auto-mutuo-aiuto rivolti alle esigenze personali (counseling) e a quelle aziendali (coaching).

L’APP è divisa in 5 macro aree:

AREA “INFORMAZIONI” che consente di accedere ai seguenti menù:
- Chi siamo;
- Counseling e coaching;
- Mission; 
- Help counseling e coaching 
- Contatti.

AREA “SERVIZI” che consente di accedere ai seguenti menù:
- Richiesta colloquio di counseling;
- Forum casi di successo;
- Blog SC Coach Counseling;
- Skype Coach Counseling;
- Tema del mese;
- Business Coaching.

AREA “PROGETTI” che consente di accedere ai seguenti menù:
- GO FOR IT;
- Counseling;
- I nostri libri;
- Youtube.

“CONSIGLIO DEL GIORNO” che consente di accedere in uno spazio informativo “giornaliero” ove saranno fornite utili informazioni ai navigatori!

AREA “PROGETTI IN CORSO” che consente di accedere:
- A dei Menù con psw e utilizzabili dai clienti (singole persone e/o aziende) per specifici progetti di counseling e coaching.

L’app è gratuita ed è un servizio innovativo che consigliamo di utilizzare!
Ringraziamo l’ing. Marco Coato per la preziosa collaborazione nel realizzare la nostra applicazione.

Clicca sull'immagine, accedi in play store (per dispositivi mobili android) e scarica la nostra APP!

 

SC Coach Counseling
Professionisti che facilitano

le persone e le aziende

a ottenere un cambiamento di successo!

 

Il Counselor e il coach esercitano la professione nel rispetto della Legge n. 4 del 14 gennaio 2013, pubblicata nella GU n. 22 del 26/01/2013

0 Commenti

COUNSELOR: ESPERTO IN RELAZIONI DI AIUTO!

Ognuno di noi ha attraversato nel corso della propria vita momenti difficili necessitando di aiuto per affrontare la crisi e per costruire un nuovo equilibrio necessario ai cambiamenti che la crisi inevitabilmente porta con se.

Chi in quei momenti non ha avuto bisogno di scaricare i problemi e le preoccupazioni su una persona fidata e comprensiva?

Chi in quei momenti non avrebbe voluto un appoggio con cui discutere delle proprie emozioni e dei propri sentimenti?

Chi in quei momenti non avrebbe voluto discutere dei problemi e dei momenti critici del momento con qualcuno capace di ascoltare senza giudicare?

Noi ci siamo specializzati nel fare questo: ascoltare senza giudicare per permettere ai nostri clienti di prendere e portare avanti decisioni valide e opportune.

Ci siamo specializzati nel facilitare i clienti che vengono da noi ad aumentare in loro la consapevolezza di sentirsi persone responsabili e capaci di trovare  le proprie soluzioni in modo autonomo.

Le nostre competenze mirano a potenziare le risorse in possesso dei clienti senza focalizzarli sul problema o sulla difficoltà che stanno attraversando, ma piuttosto nell’aumentare in loro la  consapevolezza rispetto al problema e nel fargli sperimentare nuove modalità e nuove soluzioni, creando nuove possibilità di apprendimento e di crescita.

Come counselor e come coach abbiamo sviluppato quelle competenze necessarie per estrarre dalle persone il meglio, per stimolare la loro capacità di crescita personale  e abilità, per aiutarli ad accettare i propri limiti e a massimizzare le proprie performance.

Dott.ssa Dana Caporossi

cell. 3488850811
Dott. Ermes Siorini          

cell. 3341873638

 

SC Coach Counseling
Professionisti che facilitano

le persone e le aziende

a ottenere un cambiamento di successo!

0 Commenti

L'IMPORTANZA DEL "COACH LEADER" IN AZIENDA

In questi ultimi tempi parlando con molte persone che lavorano in diverse aziende emerge da parte loro una riflessione comune: la difficoltà di esprimere le proprie potenzialità!

Premessa: ci sono dei contesti lavorativi ove anche in ottime condizioni di lavoro alcuni si lamentano comunque!

La notizia oggi sta nel fatto che diversi feedback di malcontento li ho avuti da seri professionisti che operano in vari contesti, (vendita, marketing, IT, amministrativo, ecc.) e da sempre orientati a migliorarsi, ad essere pro-attivi per raggiungere gli obiettivi assegnati.

L’atteggiamento inconsueto di questi bravi professionisti mi ha incuriosito e ho approfondito la questione per trovare a “monte” il denominatore comune che genera a “valle” le considerazioni citate.

Cosa è emerso?

Che i manager delle aziende in questione non hanno un atteggiamento da “Coach Leader”!

Perché asserisco tale concetto?

Perché le persone con cui mi sono confrontato mi hanno riferito che i loro manager di riferimento svolgono prevalentemente un ruolo di “controllore” e non sono percepiti come un “valore aggiunto” per migliorare il loro operato.

Perché il comportamento di questi responsabili non è funzionale a creare un clima “sano” in un’organizzazione di lavoro orientata ad ottenere dei risultati?

 

Esempio: se un manager gestisce un gruppo di persone e a queste assegna come obiettivo mensile di raggiungere “20” e a pochi giorni dal termine del mese i suoi collaboratori sono fermi a  “18”, qual è secondo te l’atteggiamento che dovrebbe assumere il responsabile?

 

Rispondi in base alle tue esperienze personali.

 

Ora invece ti evidenzio cosa è successo nelle aziende di medie/grandi dimensioni ove lavorano le persone con cui mi sono confrontato:

primo step: il responsabile invia delle mail ai suoi collaboratori ricordando loro che non hanno raggiunto "20" e che sono fermi a "18" e che si devono impegnare di più.

Secondo step: se dopo aver inviato la mail il responsabile non riscontra un miglioramento, organizza un’audioconferenza ricordando a tutti di darsi da fare perché l’obiettivo non è ancora stato ottenuto.

Terzo step: se anche l’audioconferenza non ha sortito nessun effetto il manager organizza un incontro con tutti i suoi collaboratori ricordando anche in tal sede che si devono impegnare perché mancano pochissimi giorni e l’obiettivo è ancora lontano.

 

Secondo te l’atteggiamento di questo manager ha facilitato i collaboratori:

-          nel sentirsi ascoltati per capire lo stato dell’arte?

-           nel sentirsi motivati?

-          nel ricordare loro e applicare il valore aggiunto di essere squadra?

-          nell’orientarli a trovare delle soluzioni?

-        nel verificare se all’interno della squadra uno o più professionisti operano con un metodo vincente e  che può essere diffuso a tutti gli altri?

-         nel creare tutti insieme dopo aver analizzato la realtà dei fatti una strategia vincente per ottenere “20”?

 

Personalmente dopo aver sentito le storie di alcuni bravi professionisti, ho appreso che molti manager   hanno attuato un comportamento che in nessun modo ha facilitato l’emergere delle dinamiche testé menzionate.

 

I responsabili si sono limitati a fare i “controllori” e a riferire ai propri collaboratori delle ovvietà:

“siete a “18” e non a “20” ”, un’informazione nota a tutti e che non necessita di un capo per creare consapevolezza!

 

La logica e il buon senso professionale che cosa ci insegna?

 

Che all’interno di un’organizzazione di lavoro sono individuate alcune persone e non altre a svolgere il ruolo di responsabile/manager perché a tali soggetti sono riconosciute delle capacità che altri non hanno e che permette loro di avere ruoli di responsabilità e di accesso a percorsi di carriera ed economici migliori rispetto al resto della popolazione aziendale.

 

Ergo tale ragionamento logico deve manifestarsi nel quotidiano e di conseguenza quando un team di persone adeguatamente preparato dal manager a raggiungere certi traguardi ha dato il massimo senza  ottenere il risultato atteso è compito del responsabile intervenire per tempo e trovare un’adeguata soluzione:

-          -coinvolgendo il team  

-           -tramite dei gruppi di lavoro

-       -proponendo un’idea condivisa e altamente sfidante ai propri collaboratori che dimostreranno di essere dei bravi professionisti perché attueranno nei migliori dei modi la strategia del responsabile per raggiungere l’obiettivo del mese.

 

Per ottenere un tale riscontro oggettivo nella realtà, un responsabile deve essere :

-          un coach leader capace di entrare in empatia con i propri collaboratori,

-         un coach leader capace di coinvolgere concretamente i propri collaboratori con riconoscimenti anche apparentemente semplici come una telefonata, una mail in sintesi la famosa “pacca sulla spalla” perché tali comportamenti sono indice di attenzione e rispetto verso coloro che ogni giorno svolgono un’attività professionale per la propria azienda.

 

Un coach leader è colui:

-          che sa ascoltare e fornire i giusti feedback alla propria squadra e ai singoli componenti

-          che sa tirar fuori il meglio di ogni persona  

-          che valorizza il gioco di squadra

-          che diffonde e rispetta per primo i valori aziendali

-        che evidenzia come il risultato di un lavoro di squadra è superiore rispetto alla somma delle singole attività individuali

-          che insegna la meritocrazia e favorisce la crescita dei propri collaboratori

-          che agevola ad essere “produttori” e “consumatori” di idee per crescere tutti assieme

-          che favorisce la condivisione dei casi di successo

-       che insegna ad apprendere dai migliori colleghi i loro schemi di pensiero, di motivazione, di linguaggio e di agire per migliorarsi e fare migliorare altri colleghi

-         che crea le condizioni perché l’invidia non trovi spazio nel team

-          che  genera in ogni componente del team il sentimento di essere fiero di appartenere a tale gruppo.

 

Un responsabile che ogni giorno riesce a fare quanto ho descritto merita il ruolo che ricopre e merita di avere uno stipendio maggiore rispetto ad altri e di ambire a percorsi di carriera perché il suo “esserecoach leader fornirà a molti dei suoi collaboratori la giusta mentalità per sfruttare al meglio quelle  opportunità che consentiranno loro di crescere in azienda!

 

E quando la stragrande maggioranza dei manager agisce in questo modo significa che i vertici di tali organizzazioni hanno diffuso dei valori condivisi che si concretizzano nel quotidiano favorendo un ambiente di lavoro che realmente mette al centro la “persona”! E quando la “persona” sta bene in un contesto lavorativo meritocratico ha ampie possibilità di vivere bene le proprie emozioni e questo risultato consente all’individuo di portare in “dote” al suo ruolo professionale solo “positività” che si manterrà nel tempo grazie all’intervento di un manager “coach leader” capace di garantire serietà e orientamento verso il raggiungimento degli obiettivi respirando così un clima di lavoro in grado di agevolare le persone/professionisti a dare il meglio di sé!

 

Nei paesi anglosassoni un candidato al ruolo di manager viene selezionato se oltre ad avere competenze professionali dimostra di essere un coach perché è lo stile di relazione che il candidato instaurerà nel tempo col proprio team che farà la differenza nel raggiungere risultati di eccellenza rispetto ai competitor.

 

Questa realtà che ho descritto non è presente nei contesti aziendali di medie/grandi dimensioni ove lavorano le persone con cui mi sono relazionato e chiedo anche a te che stai leggendo in quale quotidiano operi!

 

Ti fornisco comunque una bella notizia: in alcune aziende  la cultura del coach leader è una realtà consolidata ed è la prova che quando i vertici di un gruppo aziendale credono in tale “cultura” vogliono sicuramente creare le condizioni per diffondere un clima meritocratico e per questo assumono dei responsabili capaci di svolgere un ruolo di coach leader e non di semplice controllore, l’unica “via” per ottenere dei risultati di eccellenza!

 

E in questo periodo le aziende che pensano di risolvere la crisi riducendo i costi, affidandosi a manager “controllori”, demotivando il personale qualificato che ha sempre lavorato con dedizione senza ricevere adeguati riconoscimenti, saranno destinate a sparire!

 

Oggi è fondamentale per le aziende creare una “rete” con le scuole superiori e le università e le realtà locali per collaborare con questi centri del sapere e per individuare i migliori cervelli e inserirli nel proprio contesto lavorativo prima della conclusione del percorso di studi e selezionando dei manager “coach leader” per sviluppare una cultura aziendale capace di generare tutte le condizioni positive prima descritte.

 

La competizione si vince con i migliori collaboratori, guidati dai migliori manager “coach leader” all’interno di un ambiente di lavoro che garantisce la meritocrazia e il lavoro di squadra.

 

 

Ingredienti fondamentali per essere leader nel mercato in cui si opera ed essere un esempio per il sistema paese che può apprendere e migliorare da tale approccio culturale!

 

Ermes Siorini

0 Commenti

COSA LEGGERE DURANTE L'ESTATE?

Regalati due libri che trattano dei temi di attualità!

Acquista entrambi i testi a euro 28,00!

In promozione per tutta l'estate!

Clicca sull'immagine!

 

0 Commenti

Il Counselor e il Coach esercitano la professione nel rispetto della Legge n. 4 del 14 gennaio 2013, pubblicata nella GU n. 22 del 26/01/2013